Cerca ricetta o ingrediente...

Visualizzazione post con etichetta dolci / dulciuri. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta dolci / dulciuri. Mostra tutti i post

Bonet

Bonet
Bonet, classico dolce al cucchiaio piemontese. Da tempo lo volevo fare , anche perchè lo sapevo quanto è buono, lo mangiato qualche anno fa in un ristorante. Finalmente per la Domenica delle Palme lo preparato. Si tratta di un budino di antichissima tradizione a base di uova, latte, zucchero, liquore, amaretti secchi e cacao. Una vera delizia.😋
La ricetta originale di Lorena (blog Lory B. Bistrot) lo trovate qui . Sotto c'è la ricetta modificata leggermente da me.

***

Ingredienti:
per 2 stampi plumcake


  • 1 l. di latte intero
  • 200 g. di zucchero semolato
  • 5 uova
  • 200 g. di amaretti secchi
  • 50 g. di cacao amaro
  • 1 cucchiaio di caffè solubile
  • 4 cucchiai di amaretto liquore
  • 1/2 fialetta di aroma rum


Preparazione:
Tritate finemente gli amaretti e unite al latte. Il latte prima deve essere portato ad ebollizione e raffreddato. Mescolate bene con un cucchiaio e aggiungete il caffè solubile, il liquore e l' aroma di rum. Separatamente sbattete con una frusta lo zucchero con le uova e il cacao amaro fino ad ottenere una crema liscia. Sopra versate il composto di latte e amaretti e mescolate bene.
Preparate il caramello. Mettete lo zucchero in un pentolino, aggiungete due cucchiai di acqua e cuocetelo fino alla formazione di un caramello dorato. Versatelo nei stampi, inclinateli in modo da distribuire il caramello sul fondo e sui bordi .Mettete il composto dentro gli stampi e adagiateli in una teglia alta da forno che avrete riempito per 2/3 con acqua calda.
Cuocete a bagnomaria nel forno già caldo a 180-200° per 40-50 minuti circa. Servite il bonet freddo.




Quest'anno sarà senza dubbio una Pasqua e Pasquetta molto diversa. Niente è come prima. Spero che l'aria di festa riuscirà a entrare comunque nelle vostre case.
Un augurio a tutti per una Pasqua serena e piena di speranze . 

Buona Pasqua !


Cleo...il mio coniglio "testa di leone" 💗



******

Suggerimenti culinari per il menù di Pasqua....se ancora non avete deciso che preparare.  
Per i dettagli, cliccate sopra il nome della ricetta .


  Casatielo











Torta pasqualina...a modo mio

                       

Mucenici (Sfinţişori), il dolce per i Santi Quaranta Martiri di Sebaste

Tutte le Chiese che ammettono il culto dei santi ricordano il 9 Marzo Quaranta Martiri di Sebaste o Santi Quaranta (santi cristiani).
Ricorrenza : 9 marzo (Occidente) 10 marzo (Oriente)


>>Dal sito Santi e Beati <<

Sebaste (Armenia), † 320 
Presso Sivas nell’antica Armenia, passione dei santi quaranta soldati di Cappadocia, che, compagni non di sangue, ma di fede e di obbedienza alla volontà del Padre celeste, al tempo dell’imperatore Licinio, dopo aver patito il carcere e crudeli torture, durante il rigidissimo inverno furono costretti a rimanere di notte nudi all’aperto su di uno stagno ghiacciato e, spezzate loro le gambe, portarono così a termine il loro martirio.
Quando tutti morirono, i loro corpi furono portati fuori città e bruciati e le ceneri disperse nel vicino fiume. Nonostante questo gesto di disprezzo verso i martiri, parti di reliquie evidentemente poterono essere recuperate e venerate poi in diverse chiese, esse giunsero nei secoli successivi anche a Brescia, in Palestina, Costantinopoli, Cappadocia.

"Il martirio dei 40 Martiri di Sebaste è un grande esempio di fede cristiana, perseveranza, sacrificio e amicizia. Infatti, sebbene originari di paesi diversi, questi erano soldati che prestavano tutti servizio presso la stessa legione dell'esercito romano"

*********




In Romania ,come tradizione per la ricorrenza di questa Festa , si preparano dei dolci di nome mucenici.  Mucenici ,in italiano vuol dire martiri.
Sono due tipi di mucenici, mucenici bolliti e mucenici o sfintisori al forno.
L'anno scorso ho preparato mucenici bolliti (muntenesti), tipici della regione Muntenia, Dobrogea .
La mia ricetta di mucenici lessati,  lo trovate qui.




Oggi vi lascio la ricetta dei mucenici al forno (mucenici moldovenesti) cosi come si fanno solo in alcune zone della Romania (ex. Moldova , Banat).
Sono fatti con un impasto lievitato; ecco la mia ricetta:

Ingredienti:
500 g.di farina 00
25 g.di lievito di birra fresco
1 uovo
50 g.di zucchero
250 ml. latte intero tiepido
buccia di un mezzo limone grattugiato
50 g.di burro
1 bustina vanillina
sciroppo:
300 ml. acqua
150 g. zucchero
gocce aroma vaniglia o mezza bacca vaniglia
buccia di limone
per decorare:
miele
noci tritate

Procedimento:
Sbriciolare il lievito in una ciotolina, aggiungete un cucchiaino di zucchero, po’ di latte tiepido e una manciata di farina e mescolate bene. Il composto non deve essere troppo liquido, nè troppo solido. Mettete a riposare in un posto abbastanza caldo, riparato, ben coperto. Quando il composto raddoppia, trasferirlo in una grande ciotola. Aggiungere l'uovo montato con lo zucchero. Aggiungere il burro fuso e raffreddato, il latte tiepido, la vanillina, la buccia di limone ,e per finire la farina. Non mettere tutta la farina dal’inizio, aggiungete poco alla volta. Impastare bene con le mani , sbattendo contro le pareti della ciotola circa 5-10 minuti . L’impasto finale deve essere compatto e liscio e non troppo molle o troppo duro. Se vi sembra giusto non mettete tutta la farina.Se è troppo molle aggiungete dell'altra farina. Coprite bene e lasciare lievitare l’impasto in un posto abbastanza tiepido per minimo 1 ora.
L'impasto viene suddiviso in pezzi da modellare (per 500 g.di farina circa 11-15 pezzi , dipende dalla grandezza che si vuole fare) . Formate un rotolo lungo circa 25-30 cm., poi un cerchio (come in foto) e poi attorcigliate a metà dando la forma di otto. Spennellate con uovo e lasciateli ancora nella teglia a lievitare per circa 30 minuti, in un luogo tiepido. Cuoceteli  nel forno (già riscaldato) a 180 °,per 30-40 minuti ,fino che diventino dorati. Preparate lo sciroppo. Portare a bollore l'acqua, lo zucchero, la buccia di un limone (o arancia) e la vaniglia. Quando bolle spegnere, coprire subito e lasciar raffreddare.
Quando i mucenici sono tiepidi bagnateli con lo sciroppo, anche sopra con un pennello. Spennellate sopra con il miele e mettete gherigli di noce tritati.




Torta ubriaca al cioccolato e vino rosso



Torta ubriaca al cioccolato e vino rosso è un dolce sfizioso e goloso, perfetto per ogni occasione.
La sua consistenza è soffice e il sapore unico, irresistibile del cioccolato fondente. Il vino non si sente ma dona alla torta un aroma particolare. Non dico altro... provatela!!! 😋
Ricetta presa dal blog Ho voglia di dolce.

 Ingredienti:
 per una tortiera da 24/26 cm diametro

120 ml di vino rosso di buona qualità
280 g di zucchero
60 g di cacao amaro
150 g di farina 00
4 uova
160 ml olio di semi di girasole o arachidi
100 g di cioccolato fondente ridotto in scaglie
1 bustina di lievito vanigliato per dolci

Preparazione:
Mettete il vino, lo zucchero e il cacao in una casseruola e fate cuocere fino ad ottenere una crema omogenea. Togliete 120 ml di composto e mettete da parte. Alla crema rimasta nella casseruola aggiungete le uova, la farina ,l’olio di semi e il lievito. Mescolate con il mixer per due minuti circa, fino ad amalgamare bene tutto il composto. Aggiungete il cioccolato fondente ridotto in scaglie o grattugiato e mescolate delicatamente. Rivestite una teglia da 24-26 cm di diametro con della carta da forno e rovesciate tutto il composto dentro. Mettete a cuocere nel forno già riscaldato a 160°-180° per circa 40-45 minuti. Fate la prova stuzzicadenti.

Quando è pronto, sfornare la torta e trasferitela su di una gratella. Con uno stuzzicadenti praticate su tutta la superficie tanti buchi . Fate anche qualche taglietto qua e la con la punta di un coltello .
Versate sopra la crema che avete messo da parte e stendetela bene sopra tutti i buchi ed i taglietti . Cosi la crema penetri al’interno della torta. Fate riposare la torta per almeno 60 minuti prima di servire.

Polvorones alle mandorle



Per Natale quest'anno ,ho voluto fare i polvorones. Sono dei biscotti che si preparano in Spania per le feste natalizie. Mi piacciono i dolci e voglio sempre sperimentare nuove ricette. Sono buonissimi, si sciolgono letteralmente in bocca come una "polvere". Da qui anche il nome "polvorones". 
Ricetta trovata qui e leggermente imodificata. Esistono i polvorones con gusto di limone, cioccolato, cacao,  nocciola. Vi lascio alla ricetta di questi deliziosi biscotti e vi auguro ...
che la dolce magia del Natale sia sempre con voi. 
Buon Natale a tutti!

Felice Anno Nuovo! 🥂







Ingredienti:
  per circa 24 pezzi (spessi 1 cm./diam.4 cm)

250 g.di farina 00
100 g.farina di mandorle
80 g.di zucchero a velo
3 cucchiai liquore di anice
120 g.di strutto o 160 g.di burro
vaniglia aroma q.b.
cannella q.b.
pizzico di sale

Procedimento:
Lasciate ammorbidire lo strutto mezz'ora circa fuori dal frigorifero, in modo che si ammorbidisce.
Prima di tutto, tostare le farine, farina 00 e la farina di mandorle... nel forno a 100 ° C e spostando di tanto in tanto con un cucchiaio. Io invece ho tostato in padella ,a fuoco basso e mescolando costantemente.
Quando la farina acquisirà una tonalità leggermente più scura, è pronta. Sentirete un' aroma di tostato.  Lasciate raffreddare bene la farina tostata. La tostatura conferirà un sapore caratteristico.

Una volta che la farina è fredda, aggiungiamo gli altri ingredienti: strutto ,lo zucchero, liquore all'anice, cannella, un pizzico di sale.
Impastiamo molto bene in modo che sia un impasto liscio e compatto. Se l'impasto è sabbioso aggiungiamo un po 'più di burro morbido.
Preriscaldate il forno a 180 º C.

Stendette con il mattarello impasto una sfoglia spessa di circa 1-1,5 cm e tagliate con un tagliapasta o un bicchierino. La tradizione dice di fare i polvorones di forma ovale , ma potete farli anche tondi.
Si deve tagliare con molto cura... in modo che l'impasto non si rompa o non si spezzi.
Io invece ho diviso l'impasto in due .Ho messo metà dell' impasto sulla pellicola , ho dato la forma di salame abbastanza sottile, ho compattato bene con le mani. Ho girato la pellicola intorno e ho stretto bene in testa ai due salamini .
Lasciate riposare per massimo un'ora in un luogo fresco. Cosi sarà più facile a tagliare. Si toglie la pellicola, si taglia con un coltello pezzi di 1 cm. Si mettono piano nella teglia foderata con la carta da forno...perché impasto si può aprire facilmente
Cuocete i polvorones circa 30 minuti, a 160° C ventilato. Comunque guardate anche prima, quando cambiano leggermente il colore sono pronti.
È importante che non brucino perché dopo hanno un sapore amaro. Quando sono pronti, cospargete con zucchero a velo .Prima di consumarli, lasciateli raffreddare bene.
Si conservano fragranti per parecchi giorni, in una scatola.

Torta 7 vasetti con semi di papavero

Questa torta sembra che sia una rivisitazione di un tipico dolce tedesco, la torta Mohnkuchen mit streusel ...cioè una crostata tipo sbriciolata, farcita con crema di papavero.
La ricetta è facile ,una semplice torta sette vasetti (buonissima e soffice) con l'aggiunta di semi di papavero.


Ricetta vista sul blog  La zucchina furba .

Ingredienti:

  • 1 vasetto di yogurt intero o yogurt alla vaniglia
  • 1 vasetto di fecola di patate
  • 2 vasetti di farina 0 o 00
  • 2 vasetti di zucchero
  • 1 vasetto di olio di semi di girasole
  • 3 uova
  • scorza d’arancia bio q.b.
  • 1 bustina di lievito in polvere
  • 100 g. di semi di papavero


Preparazione: 
Separate gli albumi dai tuorli. Montate bene a neve gli albumi e metteteli da parte.
Sbattete i tuorli con lo zucchero e poi aggiungete il vasetto di yogurt. Dopo incorporate l’olio di semi a filo e la scorza d’arancia grattugiata. Aggiungete la farina setacciata mescolata insieme al lievito e alla fecola....e amalgamate il tutto bene.
Alla fine aggiungete i 3 albumi montati a neve e lavorate il composto delicatamente con una spatola o cucchiaio facendo attenzione a non smontare gli albumi.
Versate due terzi del composto, in una teglia di 22 o 24 cm di diametro foderata con carta da forno e stendere uniformemente impasto. Incorporate i semi di papavero (io leggermente macinati)  al composto rimanente e mescolate bene. Distribuite uniformemente sopra il composto con i semi di papavero e poi infornate per circa 35-40 minuti a 180°C. Fatte prova stuzzicadenti .
Appena cotta, toglietela dallo stampo e mettetela a raffreddare. Volendo ,spolverizzate con lo zucchero a velo prima di servire.

*********

Se vi piacciono i dolci ai semi di papavero...io li adoro...trovate sul mio blog altre ricette come: makowiec
frittelle ai semi di papavero
biscotti con semi di papavero
crostata con budino e semi di papavero
plumcake al limone e semi di papavero
dolce con semi di papavero
ciambella alla ricotta con le ciliegie e semi di papavero ,
biscotti con farina di riso e semi di papavero
cozonac

Torta alle more cotta in padella



Prima volta in assoluto, quando quest'estate ho fatto un dolce in padella.
Ringrazio Claudia del blog Le ricette di Claudia e Andre , perchè da lei ho visto la ricetta. Risultato ottimo ,una torta morbida e gustosa...ideale per la colazione o per pranzo. Assicuro che la torta cotta in padella non è per niente male....provatela. La sua ricetta prevedeva i mirtilli ,io ho messo le more.



Ingredienti:
per una padella di 20 cm. diametro 


  • 1 uovo grande
  • 60 g. zucchero
  • 30 g. olio di semi di girasole
  • 100 g.yogurt alla vaniglia
  • aroma di vaniglia q.b.
  • 100 g.farina 00
  • 5 g. lievito per dolci
  • un pizzico di sale
  • 150 -200 g. di more (mirtilli, lamponi, fragole,uva etc)
  • zucchero a velo


Preparazione: 
Lavare le more e asciugarle con della carta da cucina.
Montare bene con uno sbattitore l'uovo con lo zucchero, aggiungere l'olio, lo yogurt e aroma di vaniglia.  Mescolare bene dopo ogni ingrediente.
Aggiungere la farina con il lievito (setacciate), mescolare bene con lo sbattitore. Oliare una padella di 20 cm di diametro e mettere a riscaldare bene a fiamma bassa.  Rovesciare l'impasto nella padella, livellare e distribuire sopra le more.
Cuocere a fiamma minima per circa 20 minuti coprendo la padella con un coperchio o con un altra padella. Meglio se il coperchio è di vetro ...cosi guardate come procede la cottura.
Trascorso il tempo, spennellate la torta sopra con poco d'olio. Rovesciare la torta, mettendo un piatto grande sopra la padella  e rimetterla nella padella dall'altro lato. Cuocere ancora per circa 10-15 minuti sempre con fuoco molto basso.
Cuocere altri 5 minuti senza coperchio. Quando il dolce è dorato sotto e sopra è pronto .
Volendo si può fare anche qui la prova stecchino. Lasciare raffreddare il dolce. Spolverizzate di zucchero a velo.




Pesche ripiene con amaretti e cacao




Un dessert semplice, sano e gustoso .

Ingredienti:

  • 4 pesche
  • 12 amaretti secchi 
  • 1 tuorlo
  • 1 cucchiaio cacao
  • aroma rum
  • 1 cucchiaio zucchero
  • burro (facoltativo)



Procedimento:
Lavate le pesche e dividetele a metà senza sbucciarle. Eliminate il nocciolo. Togliete un po’ di polpa al centro delle pesche e mettetela in una ciotola. Mescolate la polpa con lo zucchero, il tuorlo, amaretti sbriciolati e cacao. Mescolate bene e riempite con il composto le mezze pesche .
Solo se volete...sopra ogni pesca mettete un fiocchetto di burro. Eventualmente sbriciolate altri amaretti....come ho fatto io. Rivestite una teglia con la carta da forno, adagiate le pesche e cuocete in forno preriscaldato a 170°C circa 30-40 minuti. Sono pronte quando si ammorbidiscono (non troppo) Servitele calde o tiepide....ma sono buone anche fredde.




Dolce con rapa rossa (barbabietola) e cacao

Un dessert insolito ,veloce da fare e davvero gustoso....dolce con le rape rosse. Soffice e leggermente umido, ideale per la colazione o merenda e non solo.


Ingredienti:

  • 300 g. di rapa rossa cotta (barbabietola)
  • 100 g. zucchero di canna
  • 2 uova
  • 50 g. di cacao senza zucchero
  • 150 g. di farina
  • 50 ml. di olio semi girasole o mais
  • 50 ml. latte
  • mezza bustina lievito per i dolci
  • un punta di cucchiaino con bicarbonato
  • 1 bustina vanillina
  • cocco grattugiato per decoro o zucchero a velo 
Preparazione:
Grattugiate la barbabietola cotta e mescolatela con lo zucchero ,le uova, la vanillina ,l'olio e il latte. Frullate bene ,lo zucchero si deve sciogliere. Aggiungete la farina, cacao, lievito e il bicarbonato setacciate insieme e mescolate bene. Il composto risulterà abbastanza liquido...ma non troppo . Se bisogno, aggiungete ancora un po' di farina .Foderate una teglia ...la mia era di circa 32/26 cm. con la carta da forno. Mettete il composto nella teglia da forno. Sopra spolverizzate con cocco grattugiato e infornate.
Cuocete il dolce nel forno (già ben riscaldato) ad una temperatura di 170 °C per circa 30 minuti. Fate comunque la prova stuzzicadenti. Se non volette mettere il cocco ...quando il dolce e freddo spolverizzatelo con lo zucchero a velo.








Da una ricetta di Roxana Muntean ,che ringrazio.



Frittelle con ricotta e gocce di cioccolato

Per questi giorni di Carnevale ho fatto delle frittelle di ricotta con le gocce di cioccolato. Veloci da fare e morbidissime. Un dessert goloso da fare per tutto l'anno.




Ingredienti:
per circa 30 frittelle

  • 250 g.di ricotta
  • 1 uovo grande 
  • 150 g. di farina 00
  • 50 g.di  zucchero semolato
  • mezza fiala aroma vaniglia 
  • buccia grattugiata di mezzo limone 
  • mezza bustina lievito per dolci
  • un pizzico di sale
  • gocce di cioccolato q.b.
  • olio di semi di girasole

Preparazione:
Setacciare la ricotta. Mescolare con una frusta la ricotta con lo zucchero ,l' uovo ,la buccia di limone e aroma di vaniglia. Aggiungere la farina setacciata con il lievito e mescolare bene . Infine aggiungere le gocce di cioccolato e mescolare.  Fare scaldare bene l'olio .Prendete un bel po' d'impasto con un cucchiaino e versare il composto nel olio ben caldo con una'altro cucchiaino. Friggere le frittelle a fuoco moderato e quando sono dorate da tutti i lati, si scolano e si appoggiano su carta assorbente da cucina. Lasciate un po' raffreddare e passate le frittelle nello zucchero semolato.

Da una ricetta trovata su Cuor di Cucina ,che ringrazio .



                                  Buon Martedì grasso!


Ricette di Carnevale

Ormai il Carnevale 2019 si avvicina. Giovedì grasso quest'anno sarà il 28 febbraio , martedì grasso 5 marzo e l'ultimo giorno del Carnevale Ambrosiano, sabato 9 marzo.


I dolci di Carnevale sono i veri protagonisti in questo periodo che precede la Quaresima ...castagnole ,chiacchiere, frappe, galani...e altri dolci tipici regionali . Ho raccolto tutte le mie ricette (dolci e salate) di Carnevale in questo post per facilitare chi cerca le ricette tipiche di Carnevale. 


Buon Carnevale! 










Frittelle di Sant' Antonio Abate





ll giorno 17 di Gennaio si festeggia Sant’Antonio Abate (non famoso Sant'Antonio da Padova). Detto anche Sant’ Antonio del Fuoco, protettore degli animali domestici e solitamente raffigurato vicino ad un maiale con al collo una campanella. Ho letto che in Lombardia...non lo so se dappertutto... in questo giorno è tradizione contadina accendere il “falò di Sant’Antonio”.
L’usanza, è tutt’ora presente in alcune zone, nei giorni precedenti si accatasta in uno spiazzo nel cortile tutto ciò che è di legno e poi bruciare. Il fuoco propiziatorio viene acceso la sera e continua ad ardere sino all’esaurimento.


Sant’Antonio compare anche in un detto popolare che fa riferimento al tempo : "S. Antonio barba bianca se non nevica poco ci manca."
C’è però un detto anche adatto ai golosi: "S. Antonio di gennaio, S.Antonio frittellaio"... visto che in questo giorno si fanno i PANADÌ DE SANT’ANTONE (panini di S. Antonio) conosciuti anche come castagnole, i primi dolcetti che annunciano il prossimo Carnevale. La tradizione prevede di consumare con le frittelle del buon vin brulé. (info e foto da web)





Frittelle di Sant'Antonio
(Ricetta presa da qui.)


Ingredienti:
400 g. di farina 00
100 g di zucchero 
2 uova
100 ml di olio di semi di girasole
200 ml di latte intero o parzialmente scremato 
1 bustina di lievito per dolci
buccia di un limone grattugiata (aggiunto da me)
aroma vaniglia o rum (aggiunto da me)
olio per friggere
zucchero a velo vanigliato


Preparazione:
Frullate bene le uova con lo zucchero. Aggiungete un po’alla volta, l’olio e il latte.  E poi per ultimo farina e il lievito. Impasto deve essere liscio e abbastanza denso, non deve scendere dal cucchiaio. Se vi sembra troppo denso ,aggiungete un po' di latte . Se vi sembra troppo liquido, l'impasto aggiungette più farina .Scaldate bene l’olio . Quando è pronto, prendete un bel po d'impasto con un cucchiaino e versare il composto nel olio ben caldo con una'altro cucchiaino.  Si lasciano friggere le frittelle, 6-8 alla volta. Quando sono dorate da tutti i lati, si scolano e si appoggiano su carta assorbente da cucina.. Si cospargono di zucchero a velo.
Risultano circa 30-40 pezzi (nella foto sono solo una parte delle frittelle).



Cozonac con lokum



Cozonac , il dolce re della tradizione rumena per le feste di Natale o Pasqua.
Gli ingredienti principali di cozonac sono simili al panettone e pandoro : farina ,latte ,uova ,lievito di birra, burro e zucchero.
Si prepara semplice o farcito con le noci tritate, crema di cacao, uvetta, cioccolato, semi di papavero o lokum .Un dolce simile si prepara anche in Bulgaria (kozunak), Albania o altri paesi dell'est Europa.

Lokum o turkish delight, sono dei dolcetti gelatinosi tipici della cucina turca a base di amido di mais, un prodotto dolciario gommoso, colorato e aromatizzato con acqua di rose ,limone...varie aromi con o senza frutta secca. Si trova nei negozi etnici dell' est Europa. Volendo il lokum si può  preparare in casa, secondo questa ricetta .


Ingredienti:
per 2 pezzi

  • 1 kg di farina "00" o 500 g.manitoba e 500g."00"
  • ½ litro latte
  • 4 uova
  • 50 g. di lievito di birra
  • 350 g. di zucchero
  • 250 g. di burro
  • 2 bustine vanillina
  • buccia di limone
  • lokum q.b.


Procedimento:
Setacciate la farina e mettetela dentro un grande contenitore . Sciogliete il lievito di birra con poco latte tiepido. Fare un "buco" nella farina. Quando il lievito è diventato come una crema, mettetelo dentro il "buco" ,spolverare la superficie con poca farina e lasciate lievitare. Quando il lievito e leggermente gonfio ,incominciamo aggiungere il resto degli ingredienti. Gli ingredienti nell'ordine da mettere sono : il latte tiepido dove è stato sciolto lo zucchero, vanillina e la buccia di limone grattugiata . Il latte si aggiunge poco alla volta e incorporate la farina, mano a mano che impastate . Aggiungete i 4 tuorli, uno ad uno e continuate a impastare. Dopo i tuorli aggiungete i 4 albumi montati a neve continuate a impastare . Alla fine aggiungete poco alla volta il burro fuso e raffreddato. Continuate a impastare , picchiando il fondo dell’impasto per circa 10 minuti. Se l’impasto è troppo molle aggiungete della farina , fino quando l’impasto si toglie dalle mani .
Coprire con un panno e lasciare lievitare, preferibilmente in luogo caldo, fino quando raddoppia il suo volume . Quando l’impasto è lievitato , dividetelo in due , stendetelo ( forma rettangolare) sulla spianatoia leggermente unta con l’olio o burro ,sopra mettete pezzetti di lokum .
Rotolate tutto l'impasto e mettete nello stampo (grande da plumcake) imburrato e infarinato. Lasciate a lievitare ancora per mezza oretta. Spennellate sopra con dell'uovo sbattuto. Cuocete nel forno già riscaldato, ad una temperatura di 180°, ventilato 160°. Quando il dolce è ben gonfio e dorato ,dovrebbe essere pronto. Comunque fate la proba stecchino. Volendo quando il dolce e freddo, spolverizzate con lo zucchero a velo.


lokum -turkish delight -rahat