Cerca nel blog

Visualizzazione post con etichetta dolci / dulciuri. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta dolci / dulciuri. Mostra tutti i post

12 marzo 2019

Dolce con rapa rossa (barbabietola) e cacao

Un dessert insolito ,veloce da fare e davvero gustoso....dolce con le rape rosse. Soffice e leggermente umido, ideale per la colazione o merenda e non solo.


Ingredienti:

  • 300 g. di rapa rossa cotta (barbabietola)
  • 100 g. zucchero di canna
  • 2 uova
  • 50 g. di cacao senza zucchero
  • 150 g. di farina
  • 50 ml. di olio semi girasole o mais
  • 50 ml. latte
  • mezza bustina lievito per i dolci
  • un punta di cucchiaino con bicarbonato
  • 1 bustina vanillina
  • cocco grattugiato per decoro o zucchero a velo 
Preparazione:
Grattugiate la barbabietola cotta e mescolatela con lo zucchero ,le uova, la vanillina ,l'olio e il latte. Frullate bene ,lo zucchero si deve sciogliere. Aggiungete la farina, cacao, lievito e il bicarbonato setacciate insieme e mescolate bene. Il composto risulterà abbastanza liquido...ma non troppo . Se bisogno, aggiungete ancora un po' di farina .Foderate una teglia ...la mia era di circa 32/26 cm. con la carta da forno. Mettete il composto nella teglia da forno. Sopra spolverizzate con cocco grattugiato e infornate.
Cuocete il dolce nel forno (già ben riscaldato) ad una temperatura di 170 °C per circa 30 minuti. Fate comunque la prova stuzzicadenti. Se non volette mettere il cocco ...quando il dolce e freddo spolverizzatelo con lo zucchero a velo.








Da una ricetta di Roxana Muntean ,che ringrazio.



4 marzo 2019

Frittelle con ricotta e gocce di cioccolato

Per questi giorni di Carnevale ho fatto delle frittelle di ricotta con le gocce di cioccolato. Veloci da fare e morbidissime. Un dessert goloso da fare per tutto l'anno.




Ingredienti:
per circa 30 frittelle

  • 250 g.di ricotta
  • 1 uovo grande 
  • 150 g. di farina 00
  • 50 g.di  zucchero semolato
  • mezza fiala aroma vaniglia 
  • buccia grattugiata di mezzo limone 
  • mezza bustina lievito per dolci
  • un pizzico di sale
  • gocce di cioccolato q.b.
  • olio di semi di girasole

Preparazione:
Setacciare la ricotta. Mescolare con una frusta la ricotta con lo zucchero ,l' uovo ,la buccia di limone e aroma di vaniglia. Aggiungere la farina setacciata con il lievito e mescolare bene . Infine aggiungere le gocce di cioccolato e mescolare.  Fare scaldare bene l'olio .Prendete un bel po' d'impasto con un cucchiaino e versare il composto nel olio ben caldo con una'altro cucchiaino. Friggere le frittelle a fuoco moderato e quando sono dorate da tutti i lati, si scolano e si appoggiano su carta assorbente da cucina. Lasciate un po' raffreddare e passate le frittelle nello zucchero semolato.

Da una ricetta trovata su Cuor di Cucina ,che ringrazio .



                                  Buon Martedì grasso!


25 febbraio 2019

Ricette di Carnevale

Ormai il Carnevale 2019 si avvicina. Giovedì grasso quest'anno sarà il 28 febbraio , martedì grasso 5 marzo e l'ultimo giorno del Carnevale Ambrosiano, sabato 9 marzo.


I dolci di Carnevale sono i veri protagonisti in questo periodo che precede la Quaresima ...castagnole ,chiacchiere, frappe, galani...e altri dolci tipici regionali . Ho raccolto tutte le mie ricette (dolci e salate) di Carnevale in questo post per facilitare chi cerca le ricette tipiche di Carnevale. 


Buon Carnevale! 










16 gennaio 2019

Frittelle di Sant' Antonio Abate





ll giorno 17 di Gennaio si festeggia Sant’Antonio Abate (non famoso Sant'Antonio da Padova). Detto anche Sant’ Antonio del Fuoco, protettore degli animali domestici e solitamente raffigurato vicino ad un maiale con al collo una campanella. Ho letto che in Lombardia...non lo so se dappertutto... in questo giorno è tradizione contadina accendere il “falò di Sant’Antonio”.
L’usanza, è tutt’ora presente in alcune zone, nei giorni precedenti si accatasta in uno spiazzo nel cortile tutto ciò che è di legno e poi bruciare. Il fuoco propiziatorio viene acceso la sera e continua ad ardere sino all’esaurimento.


Sant’Antonio compare anche in un detto popolare che fa riferimento al tempo : "S. Antonio barba bianca se non nevica poco ci manca."
C’è però un detto anche adatto ai golosi: "S. Antonio di gennaio, S.Antonio frittellaio"... visto che in questo giorno si fanno i PANADÌ DE SANT’ANTONE (panini di S. Antonio) conosciuti anche come castagnole, i primi dolcetti che annunciano il prossimo Carnevale. La tradizione prevede di consumare con le frittelle del buon vin brulé. (info e foto da web)





Frittelle di Sant'Antonio
(Ricetta presa da qui.)


Ingredienti:
400 g. di farina 00
100 g di zucchero 
2 uova
100 ml di olio di semi di girasole
200 ml di latte intero o parzialmente scremato 
1 bustina di lievito per dolci
buccia di un limone grattugiata (aggiunto da me)
aroma vaniglia o rum (aggiunto da me)
olio per friggere
zucchero a velo vanigliato


Preparazione:
Frullate bene le uova con lo zucchero. Aggiungete un po’alla volta, l’olio e il latte.  E poi per ultimo farina e il lievito. Impasto deve essere liscio e abbastanza denso, non deve scendere dal cucchiaio. Se vi sembra troppo denso ,aggiungete un po' di latte . Se vi sembra troppo liquido, l'impasto aggiungette più farina .Scaldate bene l’olio . Quando è pronto, prendete un bel po d'impasto con un cucchiaino e versare il composto nel olio ben caldo con una'altro cucchiaino.  Si lasciano friggere le frittelle, 6-8 alla volta. Quando sono dorate da tutti i lati, si scolano e si appoggiano su carta assorbente da cucina.. Si cospargono di zucchero a velo.
Risultano circa 30-40 pezzi (nella foto sono solo una parte delle frittelle).



8 gennaio 2019

Cozonac con lokum



Cozonac , il dolce re della tradizione rumena per le feste di Natale o Pasqua.
Gli ingredienti principali di cozonac sono simili al panettone e pandoro : farina ,latte ,uova ,lievito di birra, burro e zucchero.
Si prepara semplice o farcito con le noci tritate, crema di cacao, uvetta, cioccolato, semi di papavero o lokum .Un dolce simile si prepara anche in Bulgaria (kozunak), Albania o altri paesi dell'est Europa.

Lokum o turkish delight, sono dei dolcetti gelatinosi tipici della cucina turca a base di amido di mais, un prodotto dolciario gommoso, colorato e aromatizzato con acqua di rose ,limone...varie aromi con o senza frutta secca. Si trova nei negozi etnici dell' est Europa. Volendo il lokum si può  preparare in casa, secondo questa ricetta .


Ingredienti:
per 2 pezzi

  • 1 kg di farina "00" o 500 g.manitoba e 500g."00"
  • ½ litro latte
  • 4 uova
  • 50 g. di lievito di birra
  • 350 g. di zucchero
  • 250 g. di burro
  • 2 bustine vanillina
  • buccia di limone
  • lokum q.b.


Procedimento:
Setacciate la farina e mettetela dentro un grande contenitore . Sciogliete il lievito di birra con poco latte tiepido. Fare un "buco" nella farina. Quando il lievito è diventato come una crema, mettetelo dentro il "buco" ,spolverare la superficie con poca farina e lasciate lievitare. Quando il lievito e leggermente gonfio ,incominciamo aggiungere il resto degli ingredienti. Gli ingredienti nell'ordine da mettere sono : il latte tiepido dove è stato sciolto lo zucchero, vanillina e la buccia di limone grattugiata . Il latte si aggiunge poco alla volta e incorporate la farina, mano a mano che impastate . Aggiungete i 4 tuorli, uno ad uno e continuate a impastare. Dopo i tuorli aggiungete i 4 albumi montati a neve continuate a impastare . Alla fine aggiungete poco alla volta il burro fuso e raffreddato. Continuate a impastare , picchiando il fondo dell’impasto per circa 10 minuti. Se l’impasto è troppo molle aggiungete della farina , fino quando l’impasto si toglie dalle mani .
Coprire con un panno e lasciare lievitare, preferibilmente in luogo caldo, fino quando raddoppia il suo volume . Quando l’impasto è lievitato , dividetelo in due , stendetelo ( forma rettangolare) sulla spianatoia leggermente unta con l’olio o burro ,sopra mettete pezzetti di lokum .
Rotolate tutto l'impasto e mettete nello stampo (grande da plumcake) imburrato e infarinato. Lasciate a lievitare ancora per mezza oretta. Spennellate sopra con dell'uovo sbattuto. Cuocete nel forno già riscaldato, ad una temperatura di 180°, ventilato 160°. Quando il dolce è ben gonfio e dorato ,dovrebbe essere pronto. Comunque fate la proba stecchino. Volendo quando il dolce e freddo, spolverizzate con lo zucchero a velo.


lokum -turkish delight -rahat



14 dicembre 2018

Torta Pan di Stelle



La Torta Pan di Stelle è un dolce senza cottura, golosissimo e veloce da preparare.Un dolce adatto ad ogni occasione. Sono varie versioni di questa torta. Un dessert a base di biscotti Pan di Stelle, alternati in strati con crema di nocciole e panna o addirittura con l'aggiunta di ricotta o mascarpone.  Io lo preparata solo con la panna montata e crema di nocciole.

Ingredienti:
tortiera da 24 cm di diametro

700 g. di biscotti Pan di Stelle o biscotti simili
250-300 g. di crema spalmabile alla nocciola (io Nutella)
250 g. di panna fresca per le preparazioni salate e dolci (senza zucchero)
latte q.b.
cacao q.b.

Procedimento:
Montare la panna fresca, senza aggiungere lo zucchero. Scaldate leggermente la crema spalmabile a bagnomaria o nel microonde
Mettete lo stampo a cerniera (senza base) direttamente sul piatto in cui pensate di servire la torta.
Bagnate (non molto) i biscotti nel latte e adagiateli sul fondo del piatto.
Spalmate una cucchiaiata di crema di nocciole sui biscotti. Ricoprite con uno strato uniforme di panna . Mettete ancora un strato di biscotti bagnati nel latte...e poi la crema di nocciole.
Dunque fate strati con resto di biscotti, nutella e panna. Chiudete lo stampo a cerniera eventualmente con della pellicola trasparente o alluminio e fate riposare in frigo per qualche ora (3-4 ore)..meglio tutta la notte.
Spalmate con un po' di panna il bordo della torta e volendo decorate con altri biscotti.
Decorate la superficie della torta. Spolverizzate sopra con il cacao amaro e decorate a piacere con stelle di pasta di zucchero o ciuffi di panna o con altri biscotti....come ho fatto io.


29 novembre 2018

Sant' Andrea Apostolo



Sant'Andrea Apostolo di Gesù Cristo si festeggia il 30 novembre nelle Chiese d'Oriente e d'Occidente ed è festa nazionale in Scozia. Denominato secondo la tradizione ortodossa Protocletos o il Primo chiamato perché fu il primo tra i discepoli di Giovanni Battista ad essere chiamato dal Signore Gesù presso il Giordano. Dopo la Pentecoste si dice abbia predicato il Vangelo nella regione dell’Acaia in Grecia e subíto la crocifissione a Patrasso su una croce a forma di X per non eguagliare quella di Gesù.

È una giornata di festa, ricca di tradizioni e costumi soprattutto per la gente che vive in ambiente rurale nella parte nord della Romania, nelle storiche regioni di Maramureş e Bucovina.


 Luogo di nascita: Galilea, Israele 
 Decesso: 30 novembre 60 dopo Cristo, Patrasso, Grecia  
Nome completo: Andrew the Apostle 
 Sepoltura: Chiesa dei Santi Apostoli, Turchia 
 Genitori: Jonah 
 Fratelli: Pietro apostolo 



Protettore di:cantanti, marinai, pescatori.
È patrono della Chiesa ortodossa. Secondo gli antichi scrittori cristiani, l’apostolo Andrea avrebbe evangelizzato l’Asia minore e le regioni lungo il mar Nero, giungendo fino al Volga.
È perciò onorato come patrono in Romania, Ucraina e Russia.



**********


Tradizioni della Tuscia Viterbese

La notte tra il 29 e il 30 novembre, giorno in cui ricadono i festeggiamenti del santo pescatore, è usanza che ogni bambino lasci un piattino vuoto sul davanzale o fuori la porta di casa per poi l’indomani trovarci sopra un golosissimo pesce di cioccolato. È per questo che le vetrine di pasticcerie, alimentari, bar e supermercati si riempiono nel mese di Novembre di coloratissimi pesci di varie dimensioni avvolti nella caratteristica carta stagnola colorata che li fa distinguere nei gusti al latte e fondente. <Info e foto: web>


*******


Tradizioni in cucina 

Nei ultimi anni in Emilia Romagna si é instaurata la tradizione del “pane di Sant’Andrea” che i fornai di Castel Maggiore offrono la sera, all’uscita della chiesa parrocchiale, dopo la Messa in onore del Patrono. Da dove provenga questa tradizione, se questa ricetta sia originale o inventata dai panificatori per l’occasione, francamente non si sa. Certamente è entrata a far parte delle tradizioni di questa cittadina.


Ingredienti: 550 g di farina ,250 g di latte ,50 g di olio di mais, 1 cucchiaio di zucchero ,10 g di sale, 1 cubetto di lievito di birra, 1 uovo + 1 tuorlo per spennellare, 100 g di gocce di cioccolato fondente. 

Il procedimento descritto prevede l’utilizzo del Bimby, ma ovviamente la ricetta può essere seguita anche senza

Nel boccale riscaldare il latte 1 min., 37° vel. 1; unire olio, zucchero, uovo e lievito: 5 sec. vel. 2. Aggiungere farina e sale: 3 min. vel. Spiga. Deve risultare un’impasto morbido. Togliere dal boccale, formare una palla, coprirla e metterla nel forno spento (ma precedentemente riscaldato a 50°) e lasciare lievitare per 1 ora. Trascorso questo tempo smontare l’impasto, dividerlo – se si desidera – in pagnotte, poi aggiungere le gocce di cioccolato; preriscaldate il forno a 200° e nel frattempo lasciate lievitare direttamente sulla leccarda del forno ricoperta di carta-forno. Spennellare a questo punto con l’uovo sbattuto e mettere in forno per circa 30 min.






Info, ricetta e foto prese da web e  Il ricettario di Bianca 






26 luglio 2018

Gelato cremoso con lamponi e latte condensato (senza gelatiera)





Questo gelato lo preparato esattamente come il gelato con le fragole .
Solo 3 ingredienti...frutta ,latte condensato e panna fresca. Non ho aggiunto il liquore tipo Vov, Bourbon o liquore alla frutta (in questo caso)...sarebbe un aiuto in più che il gelato rimanga cremoso e non ghiaccia. Gelato rimane comunque cremoso.  Al posto dei lamponi potete mettere anche la polpa frullata di albicocche, pesche, melone, mango, kiwi, banane...etc.



Ingredienti:
400 g. di lamponi
170 ml latte condensato già zuccherato
200 ml. panna fresca (da montare)
lamponi per decorare



Procedimento:
Montare la panna molto soda. Lavate i lamponi e poi frullate. Aggiungete al purea di lamponi il latte condensato e mescolate. Aggiungete alla fine la panna montata e mescolate delicatamente dal basso verso l'altro, cercando di non smontare troppo il composto. Versate la crema ottenuta in un recipiente da congelatore o come ho fatto io...in uno stampo di plumcake semitondo. Prima mettete nello stampo della pellicola .Lasciate solidificare in freezer per almeno 4 ore. Quando lo tenete nel congelatore più giorni, lo tirate fuori circa 10-15 minuti prima di servire. Decorare con lamponi freschi.




GELATO CON LAMPONI E LATTE CONDENSATO

1 luglio 2018

Zavata o crema carsolina

Zavata o crema carsolina , dolce tipico di Trieste e della sua provincia. La zavata è un dolce tipico carsolino, simile al “millefoglie”. Preparata in una teglia quadrata, viene tagliata in rettangoli di dimensioni abbastanza grandi: da qui il nome "zavate", cioè ciabatte.

La ricetta lo vista tempo fa sul blog di Edvige (Momento Solonico ) ...e che dire...amore a prima vista.
E' simile con il cremsnit (cremes), un dolce che si prepara in Romania, ma anche con kremšnite (Croazia e Slovenia), krémes (Ungheria) ,cremeschnitte (Germania), kremówka o napoleonka (Polonia), millefoglie (Francia).
Buonissima la zavata...provatela!!! Ecco la ricetta, cosi come lo trovata qui.


Pasta crema carsolina





Ingredienti:
3 pezzi pasta sfoglia rettangolare(o fate voi la sfoglia)
600 ml.latte
4 tuorli d'uovo
100 g. di farina
35 g. di burro o margarina vegetale
2 cucchiai di vino bianco oppure Marsala secco o altro liquore
180 g.di zucchero
200 g. di panna fresca
sale q.b.
zucchero a velo vanigliato q.b


Preparazione:
Stendete la pasta sfoglia rettangolare ,un pò più sottile di come lo trovate nella confezione. Mettetela con la carta da forno nella teglia .Bucherellate tutta la sfoglia e mettetela nel forno già caldo a cuocere a 170°C .Non deve scurirsi troppo, dunque guardate la cottura. Lasciate raffreddare.

In una casseruola sbattete i tuorli con lo zucchero semolato molto bene. Quando diventino spumosi e bianchi, aggiungete la farina e incorporatela bene con una frusta. Aggiungete il latte poco alla volta, mettete sul fuoco mescolando continuamente.Tenete comunque la fiamma abbastanza bassa...il composto inizierà a bollire. Aggiungete il burro e il vino...io Marsala . Fate cuoce fino a che la crema non raggiunge la densità giusta...abbastanza densa. Mettete da parte, fino che diventa tiepida.

Montate la panna ,aggiungete alla crema tiepida delicatamente e lasciate raffreddare il tutto. Cercate di dividere alla pari la crema per fare il dolce in due strati.
Stendete la crema su una sfoglia e spalmatela uniforme dappertutto. Sopra mettete la seconda sfoglia e premette leggermente. Sopra mettete il resto di crema e poi ultima sfoglia.

Con un coltello ben affilato, segnate l'ultima pasta sfoglia di copertura in rettangoli di 12 x 6 o delle dimensioni che desiderate...cosi lo potete tagliare il dolce molto più facile....senza sbriciolarsi. Potete anche tagliare prima i rettangoli di pasta sfoglia e poi formare i strati. Io ho fatto cosi ..ma solo con ultima sfoglia di copertura.
Servitela ancora tiepida cospargendola di abbondante zucchero a velo.

Io invece ho lasciato il dolce circa 2 ore fuori dal frigo e poi lo messo dentro. Non mettete sopra lo zucchero a velo quando lo mettete in frigorifero, diventa umido e si attacca alla sfoglia.
Solo prima di servire, spolverizzate il dolce con abbondante zucchero a velo.

1 febbraio 2018

Torta con farina di ceci e cioccolato




Tempo fa, per caso mi sono trovata sul blog Apriti sesamo dove ho trovato la ricetta di questo dolce...e subito mi ha incuriosito. Un dolce con farina di ceci mai fatto e mai mangiato.Allora lo provato subito. Il risultato...una torta buonissima, soffice e gustosa.
Ecco la ricetta...leggermente modificata .



Torta con farina di ceci e cioccolato 

Ingredienti:
4 uova
250 g. di zucchero
150 g.di latte
60 ml.di olio di semi girasole o mais
350 g.di farina di ceci
100 g. amido di mais
una bustina di lievito per dolci
2 cucchiaini di cannella
gocce di cioccolato q.b. (ingrediente che ho aggiunto )
buccia di un limone bio
zucchero a velo

Preparazione:
Con le fruste montate bene lo zucchero con le uova fino a formare una crema spumosa. Aggiungere l'olio , la cannella, la buccia del limone grattugiata e il latte. Aggiungere la farina di ceci, l'amido di mais e il lievito setacciati e mescolate bene tutto. Dovete ottenere una crema densa e omogenea .Alla fine aggiungere le gocce di cioccolata ma non mescolate troppo per incorporarle...possono rimanere anche in superficie. Certo, io ho messo poche gocce di cioccolato ...le ultime ...quelle che avevo nella confezione.
Foderate con carta forno una tortiera di diam. 22-24 cm. e mettere tutto il composto dentro. Cuocete nel forno già riscaldato a 175°-180°C per 30-40 minuti circa. Provate se il dolce è pronto con uno stecchino. Spegnete e lasciatela raffreddare dentro con lo sportello del forno leggermente aperto.

Volendo si potrebbe fare anche la versione più golosa :bagnata di rum e coperta di panna montata .😛








26 gennaio 2018

Salame di biscotti (senza burro e uova)




Un dolce veloce da realizzare ma allo stesso tempo leggero e gustoso. Salame di biscotti senza burro e uova. Preparato per le feste natalizie...buonissimo. Provatelo ,davvero ne vale la pena. Ricetta di Miodrag -blog Suromania


Ingredienti:
800 g.di biscotti petit beurre
450 ml. panna liquida
600 g. di cioccolato fondente ...io 300 g. cioccolato al latte e 300 g. fondente
rum o essenza
noci, nocciole, pistacchi (facoltativo)
per la versione con il cocco :
150 g. di cocco e solo 700 g. di biscotti

Preparazione:
Sbriciolate i biscotti con le mani in pezzetti abbastanza piccoli.Riscaldate lentamente (a fuoco basso) in un pentolino la panna e il cioccolato a pezzettini ,mescolando ogni tanto. Quando il cioccolato si è fuso bene ,togliete dal fuoco. Subito aggiungete il cioccolato fuso sopra i biscotti spezzettati e mescolate bene. Versate il composto sulla carta da forno e date forma di un cilindro. Mettete in frigo per almeno 2 ore prima di servire. Passare il salame di biscotti nel cocco grattugiato o zucchero a velo ..come ho fatto io o anche biscotti ridotti in polvere. Tagliate a fette e servite. Conservare in frigorifero.

*********

17 novembre 2017

Ciambella ai cachi e cocco (dolce vegan)

Volevo fare un dolce con cachi e cosi ho trovato nel web una ricetta semplice e veloce, torta soffice ai cachi o torta della pace. Ricetta lo modificata un po'....ho messo più polpa di cachi ,meno acqua , ho aggiunto cocco e lo fatta cuocere nella teglia di ciambella .
Buona, soffice e leggera ...ottima per la colazione e non solo. Auguro a voi una buona settimana...a presto con una nuova ricetta! 


Ingredienti:
300 g. di polpa di caco matura (2 cachi grandi)
250 g. di farina di kamut bio
4 cucchiai di cocco grattugiato
130 g. di zucchero
una bustina lievito vanigliato (16 g.)
1 bustina vanillina o mezzo cucchiaino di vaniglia naturale in polvere
la scorza grattugiata di un limone
70 g di olio di semi di girasole o mais
50 ml. di acqua
zucchero a velo vanigliato  per decorare

Procedimento:
Lavate i cachi e rimuovete la buccia .Con un robot a immersione rendete la polpa dei cachi  purea. Aggiungete lo zucchero, l’olio e l’acqua e lavorate con le fruste elettriche fino a ottenere un composto cremoso. Aggiungete la farina setacciata insieme al lievito e vaniglia e alla fine il cocco. Amalgamate tutto per bene con le fruste elettriche . Mettete il composto in una tortiera 25 cm di diametro (precedentemente foderata con carta da forno), oppure uno stampo da plumcake...oppure uno stampo di ciambella diam. 24 cm.. Infornate per 30/40 minuti, forno già riscaldato, alla temperatura di 180° in modalità statico. Il tempo può variare in base alla dimensione della tortiera. Fate la prova dello stecchino ,se esce asciutto il dolce è pronto. Quando si raffredda ,spolverizzate di zucchero a velo.


7 novembre 2017

Dolce con zucca e cocco / Prajitura cu dovleac si cocos



Quando ho visto questo dolce di origini thailandesi (Kanom Fuktong Nung) con la zucca e cocco, subito mi è piaciuto. Ho cambiato un po' la ricetta per quanto riguarda la cottura . Il dolce thai si cuoce al vapore .Io invece, ho preparato il dolce nel forno. Ha la consistenza simile a quella di un budino. Davvero buono, un dessert delicato e gustoso. Provatelo!


Ingredienti:
200 gr. di zucca cotta al vapore (io al forno)
200 ml. di latte di cocco
200 gr. di zucchero di canna
200 gr. di farina di riso ( si può usare anche farina di grano )
un pizzico di sale
decorare con cocco rapè disidratato ( nella riceta originale cocco fresco grattugiato)

Procedimento:
Si cuoce la zucca al vapore o al forno . Si schiaccia bene con una forchetta la polpa cotta di zucca. Si frulla con lo zucchero e il latte di cocco. Alla fine si aggiunge la farina di riso .L'impasto deve essere denso ma non troppo ,giusto a scendere della ciotola .Come il mio composto era troppo denso (il purè di zucca era ben asciutto ), ho aggiunto un po' di latte di riso. Si mette il composto in una teglia antiaderente di diametro 24 cm. Si ricopre il composto con il cocco rapè .Si cuoce nel forno riscaldato ,a 180 °-190° C per circa 1 ora. Si fa la prova dello stuzzicadenti. Alla fine cottura ,decorare sopra il dolce con cocco fresco grattugiato o cocco grattugiato disidratato.    
Fonte: qui e qui






1 novembre 2017

Colivă - dolce rumeno per la commemorazione dei defunti


Nella tradizione cristiana ortodossa come pasto simbolico nelle commemorazioni dei defunti si prepara la coliva, un dolce a base di grano bollito. ll nome ha una quantità di varianti a seconda delle lingue (in greco κόλλυβα, kólliva; in serbo кољиво, koljivo; in rumeno colivă ; in bulgaro коливо, kolivo.
Le ricette di coliva hanno un gran numero di varianti. L'ingrediente primario sono chicchi di grano bolliti e addolciti tradizionalmente con miele, ma oggi anche con zucchero. Al grano cotto, secondo le varie ricette si aggiungono le mandorle e noci tritate, semi di sesamo, cannella, semi di melograno, uva passa,...ecc.
Per decorazione, si usa ricoprire la coliva con polvere di zucchero o polvere di cacao (spesso con motivi ornamentali di croci), pezzi di cioccolata, mandorle glassate o caramelle di varie forme e colori. In Romania non si prepara dappertutto questo dolce.

In Italia esiste la colva. La colva un dolce particolare a base di grano cotto, noci ,mandorle, fichi secchi, uva sultanina ,cioccolato, melograno e vincotto che si prepara il 2 Novembre in Puglia ,particolarmente nelle zone di Foggia ,Barletta, Bitonto e Bisceglie.
Io la coliva l'ho faccio cosi :


Ingredienti :
580 g. di grano già cotto
6 cucchiaio di zucchero semolato
1 tazza (250 ml.) piena con noci tritate grossolanamente
buccia grattugiata di mezza limone
aroma rum
aroma vaniglia
per decoro
zucchero a velo ,2-3 biscotti secchi,
codette al cacao, noci, mandorle

Procedimento:
Mescolate tutti ingredienti .Volendo potete aumentare le dosi di zucchero e le noci ,dipende dal vostro gusto. Mettete il composto su un piatto da portata e date la forma del piatto. Tritate bene 2-3 biscotti secchi, poi li passate al setaccio spolverizzando sopra  la coliva. Sopra spolverizzate lo zucchero a velo,cosi non si scioglierà. Decorate con le noci ,mandorle, caramelle di cioccolato...ecc
Conservare nel frigorifero.



31 ottobre 2017

Piada dei morti



In Romagna la Piada dei Morti inizia ad essere cucinata a metà ottobre e per tutto il mese di novembre.
E' un dolce semplice, un pandolce con uvetta e frutta secca, adatto ad essere gustato per colazione o dopo pasto con un buon bicchiere di vino.
Ha questo nome perché di solito si cucina nel periodo vicino alla Festa dei morti (2 novembre).
Esistono varie versioni, questa è la mia. La ricetta presa da qui ,è modificata.

Ingredienti:
200 g.di farina manitoba
80-100 g. di farina 00
1 uovo
60 gr. di zucchero
60 ml. latte intero
60 ml. olio di semi di girasole
20 g. di lievito di birra fresco
uvetta q.b.
1 bustina vanillina
1 pizzico di sale
glassatura 
1 uovo
noci, mandorle, pinoli ,uvetta

Procedimento:
Sciogliere il lievito di birra nel latte appena tiepido con un cucchiaio di zucchero. Aggiungere il resto dello zucchero, l'olio, un pizzico di sale, vanillina e la farina setacciata per ultima. Potete usare solo farina  00. Se vi piace più dolce aggiungete del'altro zucchero. Non mettere dall'inizio tutta la farina, ma poco alla volta.
A volte la farina (dipende quale tipo usate) assorbe di più e l'impasto finale esce troppo duro. Lavorare il composto fino ad ottenere un impasto liscio ed elastico ...leggermente molle.
Mettere l'impasto a lievitare (coperto) in un luogo caldo per 2 ore circa. Impastare nuovamente, aggiungere l’uvetta. Mettere su teglia da forno con carta da forno volendo anche oleata. Schiacciare con le dita della mano fino ad ottenere dei dischi spessi di circa 2-3 cm.
Guarnire con noci,  mandorle, pinoli o uvetta.  Spennellare la superficie con l’altro uovo. Lasciare lievitare per massimo un oretta. Cuocere in forno già caldo, a 180° per 30-40 minuti. Fate prova stecchino.

Altre ricette dei dolci che si preparano per il periodo che precede la Commemorazione dei morti ; coliva ( dolce tipico della tradizione rumena) e fave dei morti.










20 luglio 2017

Torta integrale allo yogurt e limone (senza burro e uova) / Prajitura cu faina integrala, iaurt si lamaie ( fara unt si oua)






Torta integrale allo yogurt e limone (senza burro e uova), un dolce buono ,sano e leggero.
Dolce ideale per la colazione e non solo. La ricetta presa (leggermente modificata) da Rossella del blog Le delizie di casa mia.

Ingredienti:
250 g. di farina integrale
50 g. di fecola di patate
150 ml di yogurt bianco
180 g. di zucchero di canna
180 ml. bibita al limone senza gas
1 bustina di lievito per dolci
mezza fialetta aroma limone
buccia grattugiata di un limone
mandorle a lamelle


Procedimento:
Mescolate in una ciotola la farina , fecola, lo zucchero e il lievito. Aggiungete lo yogurt, aroma limone, la buccia grattugiata di limone e poco alla volta la bibita e frullate bene.Quando il composto è diventato abbastanza denso (non troppo) non mettete più .Probabile che usate tutta la quantità di 180 ml. di bibita o meno, dipende come assorbe la farina usata. Io ho messo più yogurt e alla fine non ho messo tutta la quantità di bibita. Mettete il composto in una teglia rivestita di carta da forno diam. 20 cm. Sopra mettete le mandorle a lamelle. Cuocete nel forno già caldo ,ad una temperatura di 180° -200° C. Fate la prova stuzzicadenti.

La ricetta originale di Rossella prevede il caffè. Dunque ,volendo ,al posto della bibita al limone mettete 180 ml. acqua + 3 cucchiai di caffè solubile o 180 ml. di caffè espresso.






22 dicembre 2016

Panettone senza impasto al cioccolato





Questa ricetta lo trovata sul blog Pane e cioccolato e ho voluto subito sperimentarla. Un panettone non impegnativo come procedimento e soddisfacente come gusto.

Ingredienti :
per un panettone da 300 g.

130 g. di farina 00
130 g. di farina 0
una bustina di vanillina
4 cucchiai di miele
4 g. di lievito di birra secco
80 g di acqua a temperatura ambiente
85 g di burro fuso a temperatura ambiente
2 uova a temperatura ambiente
50 g. di gocce di cioccolato
un tuorlo per spennellare la superficie
gocce di cioccolato per coprire

Procedimento:
Sciogliete in una ciotola il lievito con l'acqua e lasciarlo circa 10 minuti a temperatura ambiente. Aggiungete le uova leggermente sbattute, il miele, il burro fuso ma tiepido. Aggiungete la farina setacciata e la vanillina .Risulterà un impasto appiccicoso, continuate a lavorarlo per 5 minuti sempre con una spatola. diventera’ leggermente piu' sodo. Aggiungete le gocce di cioccolato e amalgamarle all’impasto. Coprite con la pellicola da cucina e lasciate lievitare 30 minuti a temperatura ambiente . Mettete l’impasto nel frigorifero, sempre coperto e lasciarlo  per 24-36 ore (decidete voi). Mettetelo sulla spianatoia e lavoratelo leggermente. Mettetelo in uno stampo apposito per panettone (io non lo avuto) oppure in una teglia tonda da 20 cm rivestita da carta da forno...cosi come ho fatto io ... e lasciatelo lievitare in un luogo caldo per circa 2 ore. L’impasto dovra’ raggiungere il bordo. Infornate a 160° per circa 40 minuti. Quando e' pronto sfornate e lasciatelo raffreddare completamente.





Che questi giorni di festa, vi portino tanta pace e serenità. Tanti auguri di Buon Natale! 
BUONE FESTE, AUGURI !


Blog