Cerca nel blog

17 gennaio 2018

Frittelle di Sant' Antonio

ll giorno 17 di Gennaio si festeggia Sant’Antonio Abate (non famoso Sant'Antonio da Padova). Detto anche Sant’ Antonio del Fuoco, protettore degli animali domestici e solitamente raffigurato vicino ad un maiale con al collo una campanella. Ho letto che in Lombardia...non lo so se dappertutto... in questo giorno è tradizione contadina accendere il “falò di Sant’Antonio”.
L’usanza, è tutt’ora presente in alcune zone, nei giorni precedenti si accatasta in uno spiazzo nel cortile tutto ciò che è di legno e poi bruciare. Il fuoco propiziatorio viene acceso la sera e continua ad ardere sino all’esaurimento.





***********************

Sant’Antonio compare anche in un detto popolare che fa riferimento al tempo : "S. Antonio barba bianca se non nevica poco ci manca."
C’è però un detto anche adatto ai golosi: "S. Antonio di gennaio, S.Antonio frittellaio"... visto che in questo giorno si fanno i PANADÌ DE SANT’ANTONE (panini di S. Antonio) conosciuti anche come castagnole, i primi dolcetti che annunciano il prossimo Carnevale. La tradizione prevede di consumare con le frittelle del buon vin brulé. (info e foto da web)









Frittelle di Sant'Antonio
(Ricetta presa da qui.)



Ingredienti:
400 g. di farina 00
100 g di zucchero 
2 uova
100 ml di olio di semi di girasole
200 ml di latte intero o parzialmente scremato 
1 bustina di lievito per dolci
buccia di un limone grattugiata (aggiunto da me)
aroma vaniglia o rum (aggiunto da me)
olio per friggere
zucchero a velo vanigliato


Preparazione:
Frullate bene le uova con lo zucchero. Aggiungete un po’alla volta, l’olio e il latte.  E poi per ultimo farina e il lievito. Impasto deve essere liscio e abbastanza denso, non deve scendere dal cucchiaio. Se vi sembra troppo denso ,aggiungete un po' di latte . Se vi sembra troppo liquido, l'impasto aggiungette più farina .Scaldate bene l’olio . Quando è pronto, prendete un bel po d'impasto con un cucchiaino e versare il composto nel olio ben caldo con una'altro cucchiaino.  Si lasciano friggere le frittelle, 6-8 alla volta. Quando sono dorate da tutti i lati, si scolano e si appoggiano su carta assorbente da cucina.. Si cospargono di zucchero a velo.
Risultano circa 30-40 pezzi (nella foto sono solo una parte delle frittelle).





*************************




Gogosi de Sf. Anton

Ingrediente:
400 g. de făină
100 g de zahăr tos
2 ouă
100 ml. ulei de floarea-soarelui
200 ml. lapte gras sau parțial degresat
1 plic de praf de copt
coaja de lamaie rasă
esenta vanilie / rom
ulei pentru prăjit
zahăr pudra pentru ornat

Mod de preparare: 
Se amestecă bine cu mixerul ouăle cu zahărul. Adăugați puțin cate putin uleiul și laptele. In final se adauga făina , praful de copt, coaja rasa de lamaie si esenta. Aluatul trebui să fie omogen și destul de gros, sa nu curga din lingura. Dacă vi se pare prea gros, adăugați puțin lapte. Dacă vi se pare aluatul prea lichid, adaugati faina. Asta pentru ca faina folosita poate asorbi in mod divers ca cea folosita de mine. Intr-o cratita destul mare ,se pune uleiul pentru prajit, sa fie suficient ,trebuiesc prajite in baie de ulei. Cand uleiul este bine incalzit, focul se lasa potrivit pe toata perioada cat prajim gogosile. Se ia din aluat cu linguriță (sa fie bine umpluta) și se toarna în uleiul fierbinte, eventual va ajutati cu o altă linguriță sau cu degetul. Se prăjeșc gogosile doar 6-8 impreuna...se vor umfla putin si sa aiba loc sa se prajeasca. Se intorc pe ambele parti iar cand devin rumene sunt gata. Se pun pe hârtie absorbantă de bucătărie, sa se scurga de ulei. Oricum ele nu absorb ulei. Se lasa putin sa se raceasca ,se dau prin zahar pudra. Ies circa 30-40 de bucăți din ingredientele de sus (în imagine sunt doar o parte din gogosi)

13 dicembre 2017

POLPETTE DI LENTICCHIE / CHIFTELE DIN LINTE



Ingredienti:

* 250 gr. di lenticchie lessate o già cotte in conserva
* 2 uova
* 4 cucchiai di pangrattato
* 1 cucchiaino di aglio in polvere
* una manciata di prezzemolo fresco
* sale, pepe
* olio per friggere
.........................

Scolate le lenticchie dal liquido di conservazione (se usate quelle in conserva) e mettetele in una ciotola ,schiacciatele con una forchetta. Mescolatele con le uova , il panne grattugiato , aglio in polvere , prezzemolo tritato , sale e pepe. Formate delle polpette , passatele nel pane grattugiato e friggetele nell' olio ben caldo. Scolatele sulla carta di cucina e servite calde. Sono buone anche fredde.
Sono ottime come contorno ma anche come antipasto.




5 dicembre 2017

San Nicola / Sfantul Nicolae


foto e informazioni prese da web 


San Nicola è venerato il 6 Dicembre come santo dalla Chiesa cattolica, dalla Chiesa ortodossa e da diverse altre confessioni cristiane, fu vescovo di Myra (oggi Demre), una città situata in Licia, una provincia dell'Impero bizantino, che si trova nell'attuale Turchia.
San Nicola è uno dei santi più venerati ed amati al mondo.Ogni popolo lo ha fatto proprio, vedendolo sotto una luce diversa, pur conservandogli le caratteristiche fondamentali, è patrono dei bambini e in generale di chiunque si trovi in circostanze sfavorevoli. Egli è anche il protettore delle fanciulle che si avviano al matrimonio e dei marinai, mentre l’ancor più celebre suo patrocinio sui bambini è noto soprattutto in Occidente. È noto anche al di fuori del mondo cristiano perché la sua figura ha dato origine al mito di Santa Claus.

A Bari il culto è molto sentito e dal 7 al 9 maggio nella città si festeggia il santo con una prolungata festa che ripercorre l’evento della traslazione delle sue ossa nella città, portando in corteo sul lungomare di Bari (il 7 maggio) il quadro con la sua immagine su una caravella.

Paese che vai usanza che trovi

San Nicola ha un grande libro in cui annota il comportamento dei bambini. In Olanda San Nicola porta i regali la notte del 5 Dicembre, in Germania e Romania i bambini ricevono i doni la mattina del 6 Dicembre e in Austria i regali vengono consegnati la sera del 6 . Se non arriva di persona, lascia i regali nelle scarpe o negli stivali che i bambini hanno lasciato fuori dalla porta o dalla finestra.

Particolarmente sentito è a Trieste il culto del Santo protettore dei bambini che il 6 dicembre di ogni anno porta dei doni a quelli buoni e carbone a quelli più discoli. Questa usanza è anche in Romania .
Ogni anno porta i dolciumi per i bambini buoni e un ramusello d'albero per per i più birichini (vivaci) ,essere picchiati in caso di necessità.

Cibi tradizionali legati a san Nicola.
Una strana ma simbolica devozione quella che nella sera fredda del 5 Dicembre vuole che si mettano a bollire le fave. Un rituale antico che rievoca un evento miracoloso. Nel Medioevo, secondo la tradizione, grazie all'intercessione di San Nicola di Bari Patrono di Pollutri, la popolazione, colpita da una grave carestia, fu salvata miracolosamente da una quantità enorme di fave bollite, comparsa all'improvviso all'interno di un grosso pentolone. Il Grättimaa è l'ometto di pan dolce tipico.

Ci sono poi gli speculoos: biscotti alla cannella tipici del Belgio e dei Paesi Bassi (dove sono chiamati "speculaas"), preparati tradizionalmente per la ricorrenza di San Nicola, sono ormai disponibili come prodotto dolciario in qualsiasi periodo dell'anno.
E infine i Pepernoten (noci di pepe)

Altre informazioni su questa festa trovate qui.


foto presa da web


Auguri a tutti quelli che festeggiano l'onomastico oggi! 






Blog