Cerca ricetta o ingrediente...

Visualizzazione post con etichetta dolci colazione. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta dolci colazione. Mostra tutti i post

29/09/19

Torta alle more cotta in padella



Prima volta in assoluto, quando quest'estate ho fatto un dolce in padella.
Ringrazio Claudia del blog Le ricette di Claudia e Andre , perchè da lei ho visto la ricetta. Risultato ottimo ,una torta morbida e gustosa...ideale per la colazione o per pranzo. Assicuro che la torta cotta in padella non è per niente male....provatela. La sua ricetta prevedeva i mirtilli ,io ho messo le more.



Ingredienti:
per una padella di 20 cm. diametro 


  • 1 uovo grande
  • 60 g. zucchero
  • 30 g. olio di semi di girasole
  • 100 g.yogurt alla vaniglia
  • aroma di vaniglia q.b.
  • 100 g.farina 00
  • 5 g. lievito per dolci
  • un pizzico di sale
  • 150 -200 g. di more (mirtilli, lamponi, fragole,uva etc)
  • zucchero a velo


Preparazione: 
Lavare le more e asciugarle con della carta da cucina.
Montare bene con uno sbattitore l'uovo con lo zucchero, aggiungere l'olio, lo yogurt e aroma di vaniglia.  Mescolare bene dopo ogni ingrediente.
Aggiungere la farina con il lievito (setacciate), mescolare bene con lo sbattitore. Oliare una padella di 20 cm di diametro e mettere a riscaldare bene a fiamma bassa.  Rovesciare l'impasto nella padella, livellare e distribuire sopra le more.
Cuocere a fiamma minima per circa 20 minuti coprendo la padella con un coperchio o con un altra padella. Meglio se il coperchio è di vetro ...cosi guardate come procede la cottura.
Trascorso il tempo, spennellate la torta sopra con poco d'olio. Rovesciare la torta, mettendo un piatto grande sopra la padella  e rimetterla nella padella dall'altro lato. Cuocere ancora per circa 10-15 minuti sempre con fuoco molto basso.
Cuocere altri 5 minuti senza coperchio. Quando il dolce è dorato sotto e sopra è pronto .
Volendo si può fare anche qui la prova stecchino. Lasciare raffreddare il dolce. Spolverizzate di zucchero a velo.




12/03/19

Dolce con rapa rossa (barbabietola) e cacao

Un dessert insolito ,veloce da fare e davvero gustoso....dolce con le rape rosse. Soffice e leggermente umido, ideale per la colazione o merenda e non solo.


Ingredienti:

  • 300 g. di rapa rossa cotta (barbabietola)
  • 100 g. zucchero di canna
  • 2 uova
  • 50 g. di cacao senza zucchero
  • 150 g. di farina
  • 50 ml. di olio semi girasole o mais
  • 50 ml. latte
  • mezza bustina lievito per i dolci
  • un punta di cucchiaino con bicarbonato
  • 1 bustina vanillina
  • cocco grattugiato per decoro o zucchero a velo 
Preparazione:
Grattugiate la barbabietola cotta e mescolatela con lo zucchero ,le uova, la vanillina ,l'olio e il latte. Frullate bene ,lo zucchero si deve sciogliere. Aggiungete la farina, cacao, lievito e il bicarbonato setacciate insieme e mescolate bene. Il composto risulterà abbastanza liquido...ma non troppo . Se bisogno, aggiungete ancora un po' di farina .Foderate una teglia ...la mia era di circa 32/26 cm. con la carta da forno. Mettete il composto nella teglia da forno. Sopra spolverizzate con cocco grattugiato e infornate.
Cuocete il dolce nel forno (già ben riscaldato) ad una temperatura di 170 °C per circa 30 minuti. Fate comunque la prova stuzzicadenti. Se non volette mettere il cocco ...quando il dolce e freddo spolverizzatelo con lo zucchero a velo.








Da una ricetta di Roxana Muntean ,che ringrazio.



08/01/19

Cozonac con lokum



Cozonac , il dolce re della tradizione rumena per le feste di Natale o Pasqua.
Gli ingredienti principali di cozonac sono simili al panettone e pandoro : farina ,latte ,uova ,lievito di birra, burro e zucchero.
Si prepara semplice o farcito con le noci tritate, crema di cacao, uvetta, cioccolato, semi di papavero o lokum .Un dolce simile si prepara anche in Bulgaria (kozunak), Albania o altri paesi dell'est Europa.

Lokum o turkish delight, sono dei dolcetti gelatinosi tipici della cucina turca a base di amido di mais, un prodotto dolciario gommoso, colorato e aromatizzato con acqua di rose ,limone...varie aromi con o senza frutta secca. Si trova nei negozi etnici dell' est Europa. Volendo il lokum si può  preparare in casa, secondo questa ricetta .


Ingredienti:
per 2 pezzi

  • 1 kg di farina "00" o 500 g.manitoba e 500g."00"
  • ½ litro latte
  • 4 uova
  • 50 g. di lievito di birra
  • 350 g. di zucchero
  • 250 g. di burro
  • 2 bustine vanillina
  • buccia di limone
  • lokum q.b.


Procedimento:
Setacciate la farina e mettetela dentro un grande contenitore . Sciogliete il lievito di birra con poco latte tiepido. Fare un "buco" nella farina. Quando il lievito è diventato come una crema, mettetelo dentro il "buco" ,spolverare la superficie con poca farina e lasciate lievitare. Quando il lievito e leggermente gonfio ,incominciamo aggiungere il resto degli ingredienti. Gli ingredienti nell'ordine da mettere sono : il latte tiepido dove è stato sciolto lo zucchero, vanillina e la buccia di limone grattugiata . Il latte si aggiunge poco alla volta e incorporate la farina, mano a mano che impastate . Aggiungete i 4 tuorli, uno ad uno e continuate a impastare. Dopo i tuorli aggiungete i 4 albumi montati a neve continuate a impastare . Alla fine aggiungete poco alla volta il burro fuso e raffreddato. Continuate a impastare , picchiando il fondo dell’impasto per circa 10 minuti. Se l’impasto è troppo molle aggiungete della farina , fino quando l’impasto si toglie dalle mani .
Coprire con un panno e lasciare lievitare, preferibilmente in luogo caldo, fino quando raddoppia il suo volume . Quando l’impasto è lievitato , dividetelo in due , stendetelo ( forma rettangolare) sulla spianatoia leggermente unta con l’olio o burro ,sopra mettete pezzetti di lokum .
Rotolate tutto l'impasto e mettete nello stampo (grande da plumcake) imburrato e infarinato. Lasciate a lievitare ancora per mezza oretta. Spennellate sopra con dell'uovo sbattuto. Cuocete nel forno già riscaldato, ad una temperatura di 180°, ventilato 160°. Quando il dolce è ben gonfio e dorato ,dovrebbe essere pronto. Comunque fate la proba stecchino. Volendo quando il dolce e freddo, spolverizzate con lo zucchero a velo.


lokum -turkish delight -rahat



01/02/18

Torta con farina di ceci e cioccolato




Tempo fa, per caso mi sono trovata sul blog Apriti sesamo dove ho trovato la ricetta di questo dolce...e subito mi ha incuriosito. Un dolce con farina di ceci mai fatto e mai mangiato.Allora lo provato subito. Il risultato...una torta buonissima, soffice e gustosa.
Ecco la ricetta...leggermente modificata .



Torta con farina di ceci e cioccolato 

Ingredienti:
4 uova
250 g. di zucchero
150 g.di latte
60 ml.di olio di semi girasole o mais
350 g.di farina di ceci
100 g. amido di mais
una bustina di lievito per dolci
2 cucchiaini di cannella
gocce di cioccolato q.b. (ingrediente che ho aggiunto )
buccia di un limone bio
zucchero a velo

Preparazione:
Con le fruste montate bene lo zucchero con le uova fino a formare una crema spumosa. Aggiungere l'olio , la cannella, la buccia del limone grattugiata e il latte. Aggiungere la farina di ceci, l'amido di mais e il lievito setacciati e mescolate bene tutto. Dovete ottenere una crema densa e omogenea .Alla fine aggiungere le gocce di cioccolata ma non mescolate troppo per incorporarle...possono rimanere anche in superficie. Certo, io ho messo poche gocce di cioccolato ...le ultime ...quelle che avevo nella confezione.
Foderate con carta forno una tortiera di diam. 22-24 cm. e mettere tutto il composto dentro. Cuocete nel forno già riscaldato a 175°-180°C per 30-40 minuti circa. Provate se il dolce è pronto con uno stecchino. Spegnete e lasciatela raffreddare dentro con lo sportello del forno leggermente aperto.

Volendo si potrebbe fare anche la versione più golosa :bagnata di rum e coperta di panna montata .😛








17/11/17

Ciambella ai cachi e cocco (dolce vegan)

Volevo fare un dolce con cachi e cosi ho trovato nel web una ricetta semplice e veloce, torta soffice ai cachi o torta della pace. Ricetta lo modificata un po'....ho messo più polpa di cachi ,meno acqua , ho aggiunto cocco e lo fatta cuocere nella teglia di ciambella .
Buona, soffice e leggera ...ottima per la colazione e non solo. Auguro a voi una buona settimana...a presto con una nuova ricetta! 


Ingredienti:
300 g. di polpa di caco matura (2 cachi grandi)
250 g. di farina di kamut bio
4 cucchiai di cocco grattugiato
130 g. di zucchero
una bustina lievito vanigliato (16 g.)
1 bustina vanillina o mezzo cucchiaino di vaniglia naturale in polvere
la scorza grattugiata di un limone
70 g di olio di semi di girasole o mais
50 ml. di acqua
zucchero a velo vanigliato  per decorare

Procedimento:
Lavate i cachi e rimuovete la buccia .Con un robot a immersione rendete la polpa dei cachi  purea. Aggiungete lo zucchero, l’olio e l’acqua e lavorate con le fruste elettriche fino a ottenere un composto cremoso. Aggiungete la farina setacciata insieme al lievito e vaniglia e alla fine il cocco. Amalgamate tutto per bene con le fruste elettriche . Mettete il composto in una tortiera 25 cm di diametro (precedentemente foderata con carta da forno), oppure uno stampo da plumcake...oppure uno stampo di ciambella diam. 24 cm.. Infornate per 30/40 minuti, forno già riscaldato, alla temperatura di 180° in modalità statico. Il tempo può variare in base alla dimensione della tortiera. Fate la prova dello stecchino ,se esce asciutto il dolce è pronto. Quando si raffredda ,spolverizzate di zucchero a velo.


31/10/17

Piada dei morti



In Romagna la Piada dei Morti inizia ad essere cucinata a metà ottobre e per tutto il mese di novembre.
E' un dolce semplice, un pandolce con uvetta e frutta secca, adatto ad essere gustato per colazione o dopo pasto con un buon bicchiere di vino.
Ha questo nome perché di solito si cucina nel periodo vicino alla Festa dei morti (2 novembre).
Esistono varie versioni, questa è la mia. La ricetta presa da qui ,è modificata.

Ingredienti:
200 g.di farina manitoba
80-100 g. di farina 00
1 uovo
60 gr. di zucchero
60 ml. latte intero
60 ml. olio di semi di girasole
20 g. di lievito di birra fresco
uvetta q.b.
1 bustina vanillina
1 pizzico di sale
glassatura 
1 uovo
noci, mandorle, pinoli ,uvetta

Procedimento:
Sciogliere il lievito di birra nel latte appena tiepido con un cucchiaio di zucchero. Aggiungere il resto dello zucchero, l'olio, un pizzico di sale, vanillina e la farina setacciata per ultima. Potete usare solo farina  00. Se vi piace più dolce aggiungete del'altro zucchero. Non mettere dall'inizio tutta la farina, ma poco alla volta.
A volte la farina (dipende quale tipo usate) assorbe di più e l'impasto finale esce troppo duro. Lavorare il composto fino ad ottenere un impasto liscio ed elastico ...leggermente molle.
Mettere l'impasto a lievitare (coperto) in un luogo caldo per 2 ore circa. Impastare nuovamente, aggiungere l’uvetta. Mettere su teglia da forno con carta da forno volendo anche oleata. Schiacciare con le dita della mano fino ad ottenere dei dischi spessi di circa 2-3 cm.
Guarnire con noci,  mandorle, pinoli o uvetta.  Spennellare la superficie con l’altro uovo. Lasciare lievitare per massimo un oretta. Cuocere in forno già caldo, a 180° per 30-40 minuti. Fate prova stecchino.

Altre ricette dei dolci che si preparano per il periodo che precede la Commemorazione dei morti ; coliva ( dolce tipico della tradizione rumena) e fave dei morti.










20/07/17

Torta integrale allo yogurt e limone (senza burro e uova) / Prajitura cu faina integrala, iaurt si lamaie ( fara unt si oua)






Torta integrale allo yogurt e limone (senza burro e uova), un dolce buono ,sano e leggero.
Dolce ideale per la colazione e non solo. La ricetta presa (leggermente modificata) da Rossella del blog Le delizie di casa mia.

Ingredienti:
250 g. di farina integrale
50 g. di fecola di patate
150 ml di yogurt bianco
180 g. di zucchero di canna
180 ml. bibita al limone senza gas
1 bustina di lievito per dolci
mezza fialetta aroma limone
buccia grattugiata di un limone
mandorle a lamelle


Procedimento:
Mescolate in una ciotola la farina , fecola, lo zucchero e il lievito. Aggiungete lo yogurt, aroma limone, la buccia grattugiata di limone e poco alla volta la bibita e frullate bene.Quando il composto è diventato abbastanza denso (non troppo) non mettete più .Probabile che usate tutta la quantità di 180 ml. di bibita o meno, dipende come assorbe la farina usata. Io ho messo più yogurt e alla fine non ho messo tutta la quantità di bibita. Mettete il composto in una teglia rivestita di carta da forno diam. 20 cm. Sopra mettete le mandorle a lamelle. Cuocete nel forno già caldo ,ad una temperatura di 180° -200° C. Fate la prova stuzzicadenti.

La ricetta originale di Rossella prevede il caffè. Dunque ,volendo ,al posto della bibita al limone mettete 180 ml. acqua + 3 cucchiai di caffè solubile o 180 ml. di caffè espresso.






22/12/16

Panettone senza impasto al cioccolato





Questa ricetta lo trovata sul blog Pane e cioccolato e ho voluto subito sperimentarla. Un panettone non impegnativo come procedimento e soddisfacente come gusto.

Ingredienti :
per un panettone da 300 g.

130 g. di farina 00
130 g. di farina 0
una bustina di vanillina
4 cucchiai di miele
4 g. di lievito di birra secco
80 g di acqua a temperatura ambiente
85 g di burro fuso a temperatura ambiente
2 uova a temperatura ambiente
50 g. di gocce di cioccolato
un tuorlo per spennellare la superficie
gocce di cioccolato per coprire

Procedimento:
Sciogliete in una ciotola il lievito con l'acqua e lasciarlo circa 10 minuti a temperatura ambiente. Aggiungete le uova leggermente sbattute, il miele, il burro fuso ma tiepido. Aggiungete la farina setacciata e la vanillina .Risulterà un impasto appiccicoso, continuate a lavorarlo per 5 minuti sempre con una spatola. diventera’ leggermente piu' sodo. Aggiungete le gocce di cioccolato e amalgamarle all’impasto. Coprite con la pellicola da cucina e lasciate lievitare 30 minuti a temperatura ambiente . Mettete l’impasto nel frigorifero, sempre coperto e lasciarlo  per 24-36 ore (decidete voi). Mettetelo sulla spianatoia e lavoratelo leggermente. Mettetelo in uno stampo apposito per panettone (io non lo avuto) oppure in una teglia tonda da 20 cm rivestita da carta da forno...cosi come ho fatto io ... e lasciatelo lievitare in un luogo caldo per circa 2 ore. L’impasto dovra’ raggiungere il bordo. Infornate a 160° per circa 40 minuti. Quando e' pronto sfornate e lasciatelo raffreddare completamente.





Che questi giorni di festa, vi portino tanta pace e serenità. Tanti auguri di Buon Natale! 
BUONE FESTE, AUGURI !


08/06/16

Torta soffice con lo yogurt ,cocco e fragole / Prajitura pufoasa cu iaurt, cocos si capsuni




Amo i dolci soffici con la frutta ,specialmente per colazione. Quando ho visto la ricetta sul blog di Daniela, mi è piaciuta subito. Si può usare anche altra frutta ,ciliege, pesche, albicocche, prugne, mango...ecc
E' buonissima ,soffice e leggermente umida.

Ingredienti: 

  • 1 vasetto di yogurt alla fragola (125 g.)
  • 2 vasetti di zucchero
  • 2 vasetti di farina 00
  • 1 vasetto di farina di cocco (io 2 e mezzo )
  • 1 vasetto di olio di semi ( io girasole)
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 1 pizzico di sale
  • 3 uova
  • 1 cestino abbondante di fragole (io 500 g.)
  • zucchero a velo
Preparazione:
Mettete lo yogurt in una ciotola. Lavate il vasetto di yogurt e usarlo come misurino. Aggiungete le uova ,lo zucchero e frullate .Aggiungete l'olio, la farina , il lievito, un pizzico di sale e  mescolate bene.
Aggiungete circa 12 fragole a pezzettini...meglio se passate prima nella farina. Cosi non scendono troppo nella cottura. Versare il composto in una teglia 24 cm di diametro ,rivestita con carta da forno o imburrata e infarinata.  Sopra aggiungete le altre fragole a pezzetti . Cuocete il dolce nel forno già caldo , a temperatura di 180 °C,circa 40-50 minuto. Fate prova stuzzicadenti. Lasciate raffreddare bene il dolce e poi lo togliete dalla tortiera. Spolverizzate di zucchero a velo.







06/01/16

Ciambellone al cacao con cocco / Chec cu cacao si cocos





Ingredienti: 
230 g. di farina 00
180 g. di zucchero 
4 uova medie
100 ml. olio di semi di mais (io girasole) 
40 g. di cacao amaro 
40 g. di cocco rapè (disidratato) 
200 ml. latte di soia (io latte di mucca) 
1 bustina di lievito vanigliato 
1 pizzico di sale 

Procedimento:
In una ciotola montate le uova , lo zucchero e un pizzico di sale fino ad ottenere un composto spumoso. Unite al composto un po’ alla volta, la farina setacciata con il cacao e il lievito, il cocco, alternando con il latte e l’olio. Versate l’impasto in uno stampo a ciambella del diametro di 24 cm. imburrato ed infarinato.Cuocete in forno (io a gas) già caldo a 180 ° per 35/40 minuti . Fate la prova stecchino. Volendo ,quando si raffredda spolverizzatela di zucchero a velo.
Potete cuocere la ciambella anche nella pentola del Fornetto.
Mettete il rompi fuoco del fornetto sulla fiamma più piccola e scaldarlo bene. Appoggiare sopra il fornetto, cuocere 5 minuti a fiamma alta e ulteriori 45/50 minuti a fiamma bassa .Fate la prova stecchino.

  ***Buona, soffice e golosa , tutti aggettivi di questa ciambella. Ricetta lo trovata qui ,sul blog di Laura.***

Buona Epifania!

Image and video hosting by TinyPic




16/10/15

Plumcake con kefir e lokum / Chec cu kefir si rahat



Una bella fetta di plumcake con una tazza di caffelatte, è la mia colazione ideale. E proprio per la colazione, ho preparato questo plumcake soffice e gustoso con kefir e lokum.
Approfittando del mio viaggio a Bucarest, ho fatto un po'di scorta di lokum (rahat, in rumeno) .
Il lokum è un dolce caratteristico turco, si produce in Turchia sin dal XV secolo, fu introdotto in Europa dagli inglesi con il nome di Turkish Delight. Diffuso anche in Romania, Serbia, Macedonia, Bosnia, Albania, Bulgaria e Grecia.
Lokum , prodotto dolciario fatto di amido e zucchero,di consistenza gelatinosa e aromatizzato con acqua di rosa, limone, arancia, mandorle, pistacchi, menta, fragola, cacao ... ecc.
In Romania lokum (rahat) si trova dal secolo al XVIII. Tradizionalmente si consuma solo dopo il caffè, assieme ad un bicchiere di acqua fresca. Adesso ormai si consuma da solo o si usa nei vari dolci .
In Italia lo potete trovare nei negozi alimentari etnici e a volte negli ipermercati Carrefour e Auchan.
Kefir, lo trovate nel reparto banco frigo/latte ,ormai nei tanti supermercati . Io lo trovo all' Iper la grande I.
E' una bevanda ricca di fermenti lattici e probiotici, ottenuta dalla fementazione del latte. Si può sostituire nella ricetta con lo yogurt bianco.

                  Mercato di Bucarest; lokum (rahat) con arome di frutta ,acqua di rose e cacao


              

  
  Ingredienti:

  • 250 g. di farina 00
  • 200 g. latte di kefir o yogurt bianco 
  • 150 g. di zucchero bruno 
  • 3 uova
  • 80 ml. olio di semi di girasole 
  • 1 bustina di lievito per dolci vanigliato
  • una fialetta aroma di vaniglia
  • lokum q,b.

Procedimento:
In una ciotola sbattete bene le uova con lo zucchero,aggiungete il kefir, l'olio e l'aroma di vaniglia. Aggiungete la farina setacciata con il lievito. Tagliate il lokum a cubetti , non troppo piccoli ma neanche troppo grandi e passateli nella farina. Cosi non scendono molto nella cottura a forno. Io non li ho infarinato e infatti i pezzettini di lokum sono scesi anche nella parte bassa della fetta.
Meglio mettete metà del composto in uno stampo da plumcake abbastanza grande, sopra il lokum tagliato a cubetti qua e là  ,sopra mettete il resto del composto e ancora lokum.
Infornate (forno già caldo) a 180°-200° C per circa 35-40 minuti . Comunque fatte la prova stecchino. Quando e freddo, volendo potete spolverizzare il plumcake di zucchero a velo.
Suggerimento:
Al posto di lokum potete mettere pezzetti di noci , nocciole,mandorle, uvetta ,gocce di cioccolato...ecc
Il latte di kefir può essere sostituito con lo yogurt bianco.

Volendo il lokum si prepara anche in casa. Ricetta lo trovate qui o qui.











23/04/15

Pan meino (pan de mej ) - Dulce italian de Sfantul Gheorghe




Il pan meino o pan de mej, è un tipico dolce lombardo. Nel milanese era d’uso consumare il pan de mèj il 23 aprile, giorno in cui si festeggia San Giorgio , protettore dei lattai. Un tempo veniva confezionato con farina di miglio,da qui la spiegazione del nome. Con il passare del tempo il normale pane di miglio si trasformò in un delicato dolce zuccherato, o, meglio, in deliziosi biscotti. Solo molto tempo il miglio fu sostituito dal mais, essendo molto più conveniente.
Il pan de mej è conosciuto anche come panigada prendendo il nome dai fiori di sambuco, in piena fioritura in questo periodo di aprile, che essiccati si utilizzavano per cospargerne i dolci.
Informazioni e ricetta (leggermente modificata) prese da web.


Ingredienti:
per 12 biscotti
150 g. di farina mais tipo fioretto (grana molto fine) o farina mais precotta
200 g. di farina 00
100 g. di burro
150 g. di zucchero
2 uova
1 bustina lievito per dolci
1 pizzico sale
1 bustina vanillina
buccia grattugiata di limone
fiori di sambuco essiccati (facoltativo)- reperibili in erboristeria, conferiscono al dolce un particolare aroma

Preparazione:
Lavorate bene con la frusta le uova con lo zucchero, la vanillina e un pizzico di sale. Aggiungete il burro fuso e raffreddato, la farina 00 setacciata con il lievito e la farina di mais . Il composto deve risultare morbido ma lavorabile con le mani quindi, se è necessario, aggiungete altra farina. Formare tante palline di circa 50-60 g l'una.  Disporle su una teglia rivestita con carta forno e schiacciarle un po' con le mani. Cospargete la superficie con lo zucchero e con i fiori di sambuco. Io ho cosparso solo con lo zucchero di canna, fiori di sambuco non li avevo.
Cuocete a 170°-180° gradi per 15-20 minuti. Sono pronti quando i biscotti risultano leggermente dorati.

Consiglio :Conservateli in contenitori di latta,ottimi a colazione o con il the . Per mantenere la tradizione, gustateli con panna liquida.








27/02/15

Torta di pangrattato,amaretti,cocco e cioccolato / Tort cu pesmet,amaretti,cocos si ciocolata




Tempo fa ho preparato dei dolcetti con il pangrattato  e mi sono piaciuti molto.Quando ho visto sul blog di Cucina di Esme la ricetta della torta di pangrattato ,amaretti e cioccolato, sapevo che doveva essere buona. Visto che amo molto il cocco, quando ho preparato la torta, ho preferito a sostituire 100 g.di pangrattato con il cocco rapè (cocco disidratato). Il risultato ottimo, un dolce morbido e gustoso al profumo di cocco.
Ecco la ricetta ,cosi come lo fatta io:


Ingredienti:
stampo da 23 cm. diametro

100 g. di pangrattato
100 g. di cocco rapè (cocco disidratato)
200 gr di amaretti
200 g. di zucchero
250 g. di panna da cucina fresca
100 g. di cioccolato fondente
3 uova
1 bustina di lievito per dolci
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
zucchero a velo per decorare

Procedimento:
In una ciotola mescolate con un cucchiaio la panna e lo zucchero . Poi aggiungete i tre tuorli (uno alla volta) mescolando con una frusta. Sbriciolate i amaretti . Io li ho pestati con il batticarne in un sacchetto di plastica. Aggiungete il pangrattato, gli amaretti sbriciolati, essenza di vaniglia e il lievito setacciato. Mescolate il tutto con un cucchiaio o una spatola in silicone. Montate gli albumi a neve ben ferma e poi con delicatezza uniteli al composto, mescolando sempre dal basso verso l'alto. Per ultimo aggiungete il cioccolato tritato grossolanamente. Volendo, tenete da parte un po’, cosi lo cospargete anche sopra, cosi come ho fatto io. Versate in una teglia rivestita di carta forno e cuocete a 180° per 40-45 minuti. Io ho usato una forma di silicone. Fate la prova stecchino. Comunque la torta deve rimanere leggermente umida. Lasciate raffreddare, cospargete con zucchero a velo e servite.


Buon fine settimana! 



01/01/15

Makowiec



Prima di lasciarvi questa ricetta, vorrei fare i miei migliori auguri a tutti voi di un felicissimo e sereno 2015 ! 

Makowiec ,è un dolce di Natale polacco con i semi di papavero. La mia ricetta non è proprio identica con la ricetta tradizionale polacca. La ricetta lo presa dal blog di Erika. Nella ricetta tradizionale polacca il ripieno è composto di semi di papavero ,noci, frutta candita (arance) ,uva sultanina e alla fine il dolce si guarnisce con una glassa di zucchero,noci e canditi. Come dice Erika ,questo filone farcito con i semi dei papavero si prepara anche in Croazia...e chi sa in quale altro paese.
Per esempio in Romania, in alcune zone del paese, si prepara un dolce simile di nome "baigli". Baigli (con origini ungheresi) sono di due tipi, farciti con semi di papavero o con le noci tritate. Diciamo che il mio rotolo è praticamente simile a baigli .Un altro dolce simile a baigli e cozonac ,dolce tradizionale rumeno per le feste.


Ingredienti:
impasto:
300 g. di farina manitoba
100 g. di farina 00
25 g.di lievito di birra fresco
1 tuorlo
 30 gr zucchero
250 ml. latte intero tiepido
buccia di un mezzo limone grattugiato
50 gr.di burro
1 bustina vanillina
 ripieno:
300 g. di semi di papavero
100 g. di zucchero
2 albumi
poco latte bollente
 altro:
 30 g. di burro (fuso) per spennellare l’impasto prima di mettere il ripieno
 1 tuorlo per spennellare sopra il dolce prima della cottura
 zucchero a velo per decorare

Preparazione:
Sbriciolare il lievito in una ciotolina, aggiungete due cucchiaini di zucchero, po’ di latte tiepido e una manciata di farina e mescolate bene. Il composto non deve essere troppo liquido, nè troppo solido. Mettete a riposare in un posto abbastanza caldo, riparato, ben coperto. Quando il composto raddoppia, trasferirlo in una grande ciotola. Aggiungere il tuorlo montato bene con lo zucchero. Aggiungere il burro fuso e raffreddato, il latte tiepido, la vanillina, la buccia di limone ,e per finire la farina. Non mettere tutta la farina dall’inizio, aggiungete poco alla volta. Impastare bene con le mani , sbattendo contro le pareti della ciotola finché si formeranno all'interno delle bolle d’aria. L’impasto finale deve essere compatto e liscio e non troppo molle o troppo duro. Se vi sembra giusto non mettete tutta la farina. Coprire bene e lasciare lievitare l’impasto in un posto abbastanza tiepido per minimo 1 ora. Nel frattempo preparate il ripieno.Macinate i semi di papavero con macinacaffè o con il frullatore a immersione, come ho fatto io. Quando sono macinati diventino leggermente umidi. Mescolate i semi di papavero macinati con i due albumi un po’ montati ,non proprio a neve e lo zucchero. Aggiungere un po’ di latte bollente fino che diventa una crema ben densa, non troppo molle. Dopo aver fatto lievitare la pasta, stendetela sulla spianatoia allo spessore di 1 cm. Spennellate sulla superficie con il burro fuso. Mettete il composto di semi di papavero su tutta la superficie e arrotolate la pasta su se stessa dandole la forma di un filone, chiudendo bene le estremità. Mettete il rotolo sulla teglia da forno rivestita con della carta. Spennellate con un tuorlo sbattuto. Cuocete il dolce in forno preriscaldato ,sul ripiano di mezzo, a 180° circa 45 minuti . Fate la prova stuzzicadenti. Fatelo raffreddare e spolverizzatelo con zucchero a velo. 
                                                                           
                                                                                  *****
Se vi piacciono i dolci con i semi di papavero...io li adoro...trovate sul mio blog altre ricette come: cozonac , frittelle ai semi di papavero ,biscotti con semi di papavero,crostata con budino e semi di papavero,plumcake al limone e semi di papavero ,dolce con semi di papavero, ciambella alla ricotta con le ciliegie e semi di papavero , biscotti con farina di riso e semi di papavero.









11/12/14

Biscotti con muesli, cacao e cocco / Biscuiti cu musli,cacao si cocos


Questi biscotti sono facilissimi da fare, veloci e gustosi. Sono dei biscotti fatti con i resti di muesli rimasti in casa che non li mangiavamo più. Sono tante ricette su web per riciclare i muesli. Visto che io volevo fare dei biscotti con cacao e cocco, ho modificato un po'questa ricetta . Sono venuti davvero buoni !


Ingredienti:
per 18 biscotti 

150 gr. di muesli (il mio era a base di fiocchi d'avena e frutta disidratata)
3 cucchiai di cacao
50 g. di farina
4 cucchiai con cocco grattugiato
1/2 cucchiaino di lievito per dolci
60 g. burro
1 uovo grande
80 g.di zucchero di canna
1 cucchiaino di essenza di vaniglia
un pizzico di sale

Preparazione:
Mescolate bene il burro a temperatura ambiente con lo zucchero. Aggiungete l'uovo, la vaniglia, un pizzico di sale, cacao e i muesli . Mescolate bene e aggiungete alla fine la farina setacciata con il lievito e il cocco grattugiato. Risulterà un composto abbastanza denso e umido. Con le mani umide formate delle palline non troppo grandi. Passatele nel cocco grattugiato e schiacciatele leggermente come nella foto. Mettete i biscotti su una teglia rivestita con della carta da forno non tropo attaccati tra loro. Cuocete i biscotti nel forno riscaldato a 180° ,circa 10 max.15 minuti . Attenti...si cuociono in fretta.








30/10/14

Fave dei morti



In questo periodo si trovano nei negozi le fave dei morti . Le fave dei morti conosciute anche come "dolci dei morti" sono biscotti alle mandorle e variano dal croccante al morbido, realizzati nel periodo che va da ottobre a novembre, specialmente in occasione della Commemorazione dei Defunti , il 2 novembre.
L'origine è molto antica, erano dei doni dolcissimi che servivano a placare gli animi dei morti. Un modo di ricordare chi ci manca e non c'è più.
Questi dolci sono presenti, con poche varianti, quasi ovunque nella penisola italiana ( Emilia Romagna, Lombardia, Veneto, Friuli, Marche, Umbria, Lazio) .A Trieste vengono prodotte le favette dei morti, leggermente più piccole delle fave e colorate in tre colori: bianche (naturali), rosa (con alchermes o colorante roso ) o marroni (con cacao).
Ricetta presa da qui , leggermente modificata. Per chi domani festeggia Halloween ,vi lascio due ricette: dita di stregadolcetti ragno.



Fave dei morti 
Ingredienti:
-150 g.di mandorle pelate 
-100 g. di zucchero a velo
-1 albume
-2 cucchiai di farina
-estratto o aroma di mandorla ,vaniglia...

In una ciotola mescolate bene le mandorle tritate molto fine con lo zucchero a velo. Aggiungete l'albume e un po' di estratto di mandorle (io vaniglia) e impastare bene, fino che diventa un composto omogeneo.
Si formano dei piccoli cilindretti (vedi foto) che si schiacciano leggermente con le dita ,per dare la forma delle fave. Cuocete a 150 °( forno già riscaldato) circa 15-20 minuti.









In anumite regiuni din Italia ,in luna noiembrie si chiar o parte din octombrie se gasesc in magazine aceste fursecuri (biscuiti) cu numele de "fave dei morti" ; traducerea : fave = bobi (leguma) ...deci bobi de morti .
 Se mai cunosc si sub numele de "dulce al mortilor". Se prepara si in casa in special cu ocazia zilei comemorării mortilor din 2 noiembrie. Reteta lor de baza este cu migdale maruntite, zahar, ou (sau doar albus), arome, eventual si faina, unt...etc Forma lor este putin ovala sau rotunda. Aceste fursecuri au mici variatii, aproape peste tot in peninsula italiană. In anumite regiuni se fac si colorate. Adaugand cacao in compozitie ies de culoare maronie sau o picatura de colorant alimentar rosu ies de culoare roz. Pot fi ca textura moi sau mai crocante, depinde de reteta. Originea este foarte veche, erau considerate daruri dulci pentru sufletele mortilor. O modalitate placuta de a ne aminti de cine numai este printre noi . Acestea facute de mine au iesit mai crocante. Va pot spune ca se aseamana destul de mult la gust cu pricomigdalele.


Fave dei morti
ingrediente:

150 gr migdale dulci fara pielita
100 g. zahar pudra
1 albus
2 linguri de faina
aroma de migdale sau vanilie

Se macina bine migdalele in blender. Se amesteca intr-un bol faina de migdale, faina si zaharul .Se adauga albusul asa cum este fara sa fie batut si aroma .Se amesteca bine cu o lingura apoi cu mana se lucreaza, pana devine un aluat compact, omogen. La nevoie se pune o picatura de lapte. Se pune pe planseta si din aluat se face un rulou potrivit de mare care se taie in bucatele, in cilindri. Se ia o bucata si se impinge usor cu degetele pe ea (vezi poza) ..asa se turtesc nitel, dand forma asemantoare de bob. Sau puteti face din aluat o bila cat o nuca ceva mai mare apoi o turtiti usor. Se coc in cuptorul deja incalzit la o temperatura de 150° ,circa 15-20 minute. Mi-au iesit 17 bucati.









23/09/14

Torta Nua con crema mou (dulce de leche) / Prajitura Nua cu dulce de leche




Finalmente, sono riuscita a fare anch'io la torta Nua. Ormai lo vista nei tantissimi blog e siti, in tante varianti. Anch'io lo cambiata un po',al posto della crema pasticcera che di solito si mette, ho messo la crema mou (dulce de leche),che lo trovata al supermercato già pronta. E' venuta davvero buona ...provatela!

Ingredienti :
per uno stampo da 22 cm.
150 g. di zucchero
3 uova
100 ml. olio di semi (io girasole)
75 ml. di latte
230 g. di farina 00
½ bustina di lievito per dolci
½ fialetta aroma vaniglia
dulce de leche

Procedimento:
Montate bene le uova con lo zucchero e l’aroma di vaniglia. Quando sono diventate spumose. aggiungere il latte e l’olio, poi la farina con il lievito setacciato. Montare fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo . Visto che mi sembrava un po’ molle l’impasto ,io ho aggiunto un po’di farina, circa 2 cucchiai rasi. Versate l’impasto in uno stampo rivestito con la carta da forno o imburrato ed infarinato Aggiungete a cucchiaiate non troppo piene la crema al latte (dulce di leche) o altra crema che volete utilizzare . Io ho messo il dulce di leche già pronto ,comperato a supermercato. Infornate (forno già riscaldato) la torta a 170-180° e cuocete per circa 40-45 minuti . Fate la prova stuzzicadenti. Lasciate intiepidire e togliete la torta dallo stampo. Prima di servire, volendo, spolverizzarla con poco zucchero a velo . 





28/08/14

Revanì o ravanì (dolce di semolino sciroppato) / Revani (prăjitură însiropată din griş)



Questo dolce si trova in molte cucine dell'area del mediterraneo orientale, tra le quali quella israeliana, anche se con nomi diversi. Una variante molto popolare è fatta con l'aggiunta di farina di cocco.
Il ravani o revanì è un dolce a base di semolino famoso e amato anche in Grecia. E' adottato anche in Turchia con lo stesso nome di revanì. Nei paesi arabi il dolce è conosciuto con il nome di Basbousa (basbūsah) o harīsa, in Armenia con il nome di shamali. In Grecia il dolce si serve con il gelato o panna montata.  In Albania, revanì hasude è un dolce senza semolino solo con farina o fecola di patate,uova, burro, zucchero e noci tritante e non è sciroppato.Si decora con lo zucchero a velo o panna o con frutta candita.
La ricetta lo presa dal blog bucataria turceasca, (versione turca) modificandola un pochino.Un dolce semplice e fresco ,davvero buono.

Ingredienti:
4 uova
200 gr. yogurt naturale più grasso (io 100 gr.di yogurt greco e 100 g. yogurt naturale)
1 tazza di olio di girasole
2 tazze di farina
1 tazza di semolino
una bustina lievito in polvere
scorza di ½ limone
 sciroppo
5 tazze di acqua
1 tazza di zucchero semolato
 2 tazze di zucchero di canna
 aroma vaniglia
 il succo di ½ limone
suggerimento: Se ti piace più dolce,aggiungere lo zucchero in più
1 tazza di 250 ml.

Procedimento:
In una casseruola mettere tutti gli ingredienti per lo sciroppo, far bollire lo sciroppo e farlo ristringere leggermente, lasciare raffreddare. In una ciotola, sbattere le uova bene con lo zucchero, finché non diventa spumoso. A poco a poco aggiungere lo yogurt, olio, farina, semolino, scorza di limone, e alla fine il lievito. Versare il composto nella teglia da forno unta con olio e spolverata di farina o foderata con carta da forno. La mia teglia aveva come misure 22/28 cm ed il dolce è cresciuto piuttosto alto.Cuocere nel forno già riscaldato a una temperatura media di 180 gradi, circa 40 minuti fino quando la superficie è dorata. Testare con stuzzicadenti. Una volta raffreddato, rimuovere la carta, quindi versare lo sciroppo su di esso. Lasciare il dolce nella teglia per assorbire tutto lo sciroppo. Tagliare a pezzi, volendo ancor prima di versare lo sciroppo,cioè appena avete sfornato il dolce. Servire semplice o con il cocco o pistacchi, noci tritate sopra  o fette di limone, cotte in sciroppo. Conservare in luogo fresco, in frigorifero.



19/06/14

Torta tenerina o tacolenta




La torta tenerina è una specialità della città di Ferrara.
Nota fin dal 1900 come Torta Montenegrina o Torta Regina del Montenegro, in onore di Elena Petrovich del Montenegro la sposa dell'allora Re d'Italia Vittorio Emanuele III, venne soprannominata dai ferraresi torta tacolenta, per la sua consistenza interna quasi appiccicosa che si scioglie in bocca, deliziando il palato. Servito con una spolverata di zucchero a velo, questo splendido dolce, si presenta con un esterno croccante che rivela al suo interno un cuore umido di morbido cioccolato. Informazioni e ricetta prese da qui


Ingredienti:
200 g. di cioccolato fondente
125 g. di burro
2 uova
100 g. di zucchero
2 cucchiai scarsi di farina
pizzico di sale
zucchero a velo vanigliato

Preparazione:
Mettete il cioccolato a sciogliere a bagnomaria .Aggiungete il burro a cubetti e lasciate intiepidire il composto. Montate i tuorli con lo zucchero per bene fino ad ottenere un composto spumoso. Unite il composto di cioccolato e burro a quello di tuorli e zucchero, e aggiungete la farina. Frullate bene il composto. Se il composto è troppo denso aggiungere un po’ di latte, dovrà risultare liscio e cremoso. Montate molto bene gli albumi con un pizzico di sale. Incorporateli delicatamente al composto di cioccolato dal basso verso l’alto con un cucchiaio.  Imburrate e infarinate una tortiera del diametro di 24 cm. e versateci dentro l’impasto della torta. Infornate in forno già caldo a 180° per 30 minuti. Spegnete il forno e lasciate raffreddare la torta tenendo lo sportello del forno socchiuso. Uno volta fredda ,cospargetela di zucchero a velo.



25/04/14

Dolce con semi di papavero / Prajitura cu mac

Per gli amanti di dolci con semi di papavero ,oggi una ricetta tanto semplice e quanto buona. Ricetta leggermente modificata, lo presa da qui .




Ingredienti:
200 g.di  farina
3 uova
200 g. di margarina vegetale
200 ml .latte tiepido
200 g. di zucchero
100 g. di semi di papavero
mezza fialetta aroma vaniglia
1 cucchiaino bicarbonato di sodio o 1/2 bustina cremor tartaro
zucchero a velo

Procedimento:
Frullate bene i tuorli con lo zucchero ,aggiungete la margarina fusa e raffreddata e i semi di papavero macinati. Macinate i semi di papavero con il robot a immersione, in un recipiente un po' alto e stretto. Quando diventeranno un po'umidi ,simile a una crema ,sono pronti. Aggiungete al composto il latte, aroma vaniglia, la farina e bicarbonato di sodio sciolto in poco aceto. Io ho messo invece cremor tartaro, cosi come era, perché  non avevo bicarbonato. Frullate bene il composto mano a mano che incorporate tutti gli ingredienti. Montate a neve gli albumi e aggiungeteli al composto. Mescolate lentamente con un cucchiaio da basso verso alto, fino che il composto si amalgama bene. Foderate con la carta da forno una teglia da forno con le dimensioni 25/30 cm . Rovesciate il composto dentro e livellate con un cucchiaio.Cuocete il dolce ,nel forno riscaldato precedentemente, a 18°C circa 40 minuti. Fate la prova stuzzicadente. Quando il dolce si raffredda si spolverizza con lo zucchero a velo . Volendo ,al posto dello zucchero, usate la vostra glassa preferita.


Buon weekend a tutti!