11 novembre San Martino di Tours


Nome: San Martino di Tours 
Titolo: Vescovo 
Ricorrenza: 11 novembre 
Protettore :albergatori, cavalieri, fabbricanti di maiolica, fanteria, forestieri, mendicanti, militari, oche, osti, sarti, sinistrati, vendemmiatori, viticoltori.

La leggenda così dice : “Un giorno d`autunno, l’11 novembre probabilmente, mentre usciva a cavallo da una delle porte della città francese di Amiens, dove viveva, vide un povero, mezzo nudo e tremante per il freddo. Martino si impietosì e sguainò la spada, tagliò il suo bel mantello di lana e ne diede la metà al povero. Immediatamente il sole si mise a scaldare come in estate. 

Per questo motivo, si chiama l`estate di San Martino quel periodo agli inizi di novembre in cui spesso accade che la temperatura si faccia più mite.

San Martino di Tours nacque intorno al 317 D.C ed è stato uno dei primi santi non martiri della Chiesa Cattolica. Figlio di un tribuno della legione, rivestiva la carica di "circitor" nella Gallia, dove visse l'esperienza che cambiò per sempre la sua vita e lo consegnò alla storia, alla leggenda e alla santità.

In Italia la Festa di San Martino fa rima con festa del vino, infatti, l'11 Novembre viene "battezzato" il vino novello durante allegri banchetti, accompagnato da carne, castagne arrosto e frutti di stagione.
In Italia è il Patrono di Belluno.
In Germania ad esempio dà inizio alle Feste di Natale, per la quale i bambini organizzano una processione con le lanterne e recitano una filastrocca propiziatrice.

La festa dei cornuti, è poi, una delle più curiose tradizioni associate alla festa di San Martino. Alcuni studiosi ritengono che questa derivi dal fatto che nel medio evo si svolgevano, in quel periodo dell'anno feste e fiere di animali con le corna.
Nella zona cui vivo ,a Sant’Arcangelo di Romagna, a Rimini, si celebra in questi giorni “la Fira di bec”, “La Fiera dei cornuti”, anche se non è proprio destinata agli animali come una volta: ebbene vi arrivano cantastorie da tutt’Italia che cantano divertenti storie di “corna”, naturalmente. Ma se qualche lettore vuole andarci presti attenzione a non passare sotto le grandi corna appese nella piazza centrale: dicono che si mettano a oscillare al passaggio dei "cornuti"



Piatti della tradizione


Rasco o sammartinello,biscotti tipici di Palermo di san Martino, ripieni di crema di ricotta.
Ricetta qui.
foto presa da web
Biscotti di San Martino, biscotti secchi all'anice e cannella tipici della pasticceria siciliana. 
Ricetta qui.


foto presa da web

Cavallo di San Martino, il dolce veneziano di San Martino come dice il nome è un dolce diffusissimo nella provincia di Venezia per festeggiare l’11 novembre. Si riproduce con la pasta frolla la forma di un cavaliere a cavallo e si decora con cioccolato, frutta secca e confetti. Nelle confezioni di pasticceria non c’è la frutta secca, ma ci sono cioccolatini incartati nella loro stagnola “incollati” sul cavallo. Ricetta qui.


Anche l'oca viene mangiata per la Festa di San Martino.Con il vino gli abitanti delle terre che una volta era la “Gallia Cisalpina” e che oggi alcuni chiamano Padania, consigliano di mangiare le castagne e l’oca: 
“Per San Martino castagne, oca e vino!”. 
Un’usanza, quella di mangiare l’oca, da rispettare per avere fortuna, come ci ricordano i veneti: 
“Chi no magna l’oca a San Martin nol fa el beco de un quatrin!”.

oca in umido con castagne e verza 



Barbara del blog  Il mondo di Rina , racconta che in Calabria sono le Pitte di San Martino (nel reggino) , dei dolci pre-natalizi ripieni di frutta secca.
Sempre in Calabria si preparano crustuli salati, muruneddhi, ricetta lo trovate nel suo blog qui.

foto web....pitte di San Martino 
foto web....pitte di San Martino al cacao





Conoscete altri piatti della tradizione che si preparano in questi giorni per la Festa di San Martino ? 

Buon San Martino! 


****************************


Questa tradizione è celebrata anche in una famosa poesia di Giosuè Carducci.

La nebbia a gl'irti colli
piovigginando sale,
e sotto il maestrale
urla e biancheggia il mar;

ma per le vie del borgo
dal ribollir de' tini
va l'aspro odor de i vini
 l'anime a rallegrar.

 Gira su' ceppi accesi
 lo spiedo scoppiettando:
 sta il cacciator fischiando
 sull'uscio a rimirar

tra le rossastre nubi
stormi d'uccelli neri,
com'esuli pensieri,
nel vespero migrar.

****info : web e Poesia e narrativa****

Commenti

  1. Non sapevo che si mangiasse l'oca. Purtroppo non conosco altri piatti.
    Un bacio

    RispondiElimina
  2. A parte quello del San Martino di Venezia non conoscevo gli altri.....mi ispira mooooolto il rasco.
    Buona giornata

    RispondiElimina
  3. Ma che bella carrellata di ricette! Mi salvo qualche ricetta per l'anno prossimo. Buona serata :)

    RispondiElimina
  4. grazie di avermi fatto conoscere questi splendidi piatti tradizionali!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Alice per la tua visita!
      baci e buon weekend!

      Elimina
  5. Quest'anno poco sole da noi ieri. Buona domenica anche a te!

    RispondiElimina
  6. Da noi in Calabria abbiamo le Pitte di San Martino nel reggino, dei dolci pre-natalizi ripieni di frutta secca. Ma visto l'accompagnamento con il vino sono i piatti salati che predominano, come: crutuli, muruneddhi e baccalà fritto. Buona domenica.

    RispondiElimina
  7. quante notizie interessanti da te..Grazie!!

    RispondiElimina
  8. Da buona veneziana anche quest'anno da me il S. Martino non mancava, interessante questo post per tutte le altre notizie legate a questo santo che non conoscevo, grazie!!!
    Baci

    RispondiElimina
  9. Che interessante questo post, mi ha fatto piacere rileggere anche la poesia e ricordare che la maestra ce la faceva imparare a memoria.
    Io sono trevigiana ed il cavallo di San Martino è d'obbligo, l'oca invece non l'ho mai mangiata ma rimedierò subito visto il proverbio!
    Un caro saluto e buona settimana

    RispondiElimina
  10. Grazie per questo bel post, c'è sempre tanto da conoscere ed è un vero piacere :)

    RispondiElimina
  11. Nell città... diciamo cosi le ricorrenze ecc. sono andate perdute. Se pensi che il giorno del patrono di Trieste San Giusto una volta era festa ora passa inosservata salvo che per la chiesa. E' bello sapere che ci sono luoghi che le tradizioni valgono ancora. Grazie per il post e per la condivisione. Buona serata bacioni.-

    RispondiElimina
  12. Grazie per averi regalato tutte queste cose per san martino molto non le conoscevo

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie, i vostri commenti sono sempre graditi...
appena posso ricambierò la visita ◕‿◕

Blog